Tra i motivi per cui le mestruazioni possono saltare un mese o ritardare di qualche giorno ci sono anche le feste di Natale. Secondo lo studio svolto da Intimina il 32% delle donne, durante questo periodo, soffre di irregolarità mestruali: per il 17% delle intervistate ciclo salta mentre per il 15% arriva qualche giorno dopo rispetto alla data prevista. Alla base di tutto c'è quasi sempre lo stress. I regali, il lavoro da conciliare con i preparativi, le tensioni familiari possono provocare un aumento del livello di stress delle donne e influenzare il ciclo mestruale. "È ben dimostrato nella letteratura scientifica – ha spiegato a Fanpage.it la ginecologa Manuela Farrische lo stress è correlato al ciclo mestruale. Quando ci sentiamo sotto pressione aumenta il cortisolo, l'ormone dello stress, e il ciclo può saltare o arrivare in ritardo. Quest'anno poi dobbiamo fare i conti anche con la fatica da pandemia che, associata al Natale, può sicuramente incidere sulle mestruazioni".

Il ciclo è in ritardo: quando preoccuparsi

In linea di massima, a meno che non si siano avuti dei rapporti sessuali a rischio (e in quel caso è bene farsi visitare subito dal ginecologo) un solo ciclo che ritarda o che salta non deve necessariamente preoccupare. "Può capitare assolutamente – rassicura la ginecologa – Una sola irregolarità, anche se solitamente siamo precise come un orologio svizzero, non è pericolosa. Certo se per tre mesi il ciclo è perennemente in ritardo o addirittura salta, non perdiamo tempo e facciamoci visitare dal ginecologo". E se il ciclo è particolarmente doloroso in questo periodo (quasi una donna su tre nel sondaggio ha raccontato che i crampi sono più intensi) possiamo ricorrere al magnesio. "Anche in questo caso è assolutamente normale provare maggiore dolore quando si è più stressate. A volte capita anche a ridosso di un esame universitario, di situazioni in cui ci sentiamo particolarmente sotto pressione. Per contrastare il dolore possiamo assumere un integratore a base di magnesio. Si utilizza tutto il mese oppure 15 giorni prima delle mestruazioni, a seconda del dosaggio dei vari nutrienti. Ed è perfetto non solo per i dolori mestruali ma anche perché quando siamo molto stressati il nostro organismo va incontro a una carenza di questo minerale e per questo ne ha una maggiore necessità".

Cosa fare se il ciclo salta

Il nostro corpo manda dei segnali. Una mestruazione che salta un mese o che arriva in estremo ritardo è comunque indice di un eccesso di stress. "Quest'anno poi bisogna fare i conti con il carico della pandemia – ha spiegato a Fanpage.it la sessuologa Roberta RossiAnche se in questo periodo il corpo non è affaticato come altri anni, perché grandi festeggiamenti e cenoni non si possono fare, è proprio la mente ad essere più stanca". Per questo motivo è importante provare a rilassarci e ad ascoltare di più il nostro corpo: "Approfittiamo di questi giorni di lockdown – continua la sessuologa – per riposarci. Ma senza lasciarci andare. Cerchiamo di svolgere la nostra vita nella maniera più regolare possibile (nel rispetto di tutte le limitazioni che ci sono state imposte)". Il consiglio è quello di non abbandonarsi alla pigrizia, e di cercare di ricreare una normalità anche se non ci sono grandi occasioni di uscita e di incontro: "Vestiamoci, trucchiamoci e manteniamo le abitudini che danno un ritmo alle nostre giornate – spiega la sessuologa – E non rifugiamoci nel cibo, non lo usiamo come una ricompensa per lo stress. Se possibile svolgiamo dell'attività fisica e dedichiamoci alle attività che più ci piacciono e ci rilassano, leggiamo un buon libro, guardiamo una serie tv, oppure facciamo un puzzle". Evitiamo di lamentarci, approfittiamo di questi giorni per staccare dal lavoro e da tutto ciò che ci procura stress e soprattutto non trascuriamo l'intimità. "Anche se già lo sapevamo c'è stato un ulteriore studio, molto recente, che ha dimostrato che l'attività sessuale ha degli effetti benefici proprio sui sintomi ansiosi e depressivi e in generale sulla nostra salute psichica. Per questo il mio consiglio, visto che in questi giorni abbiamo del tempo a disposizione, è proprio dedicarci alla sessualità, con il nostro partner se ce l'abbiamo, oppure in maniera individuale". 

Le informazioni fornite su www.fanpage.it sono progettate per integrare, non sostituire, la relazione tra un paziente e il proprio medico.
i