Marc Jacobs è sempre imprevedibile. Poco prima di assistere ad uno dei suoi show ci si ferma a pensare: "Cosa avrà mai combinato questa volta?". In un modo o nell'altro il designer riesce a stupire, in alcuni casi con scenografie sontuose, in altri con abiti originali, in altre ancora con i suoi look stravaganti. In questo caso ci riesce proponendo una collezione primaverile che di primaverile non ha quasi nulla.

Quella per la P/E 2014 è una collection del tutto inconsueta: i colori sono scuri, i decori pesanti, i tessuti anche. In passerella sfila uno stile a metà tra il gotico e il dark, il tutto condito con dettagli barocchi, come applicazioni importanti, broccati e tessuti di pailettes. Tutto ciò stupisce, soprattuto se si pensa che ci troviamo dinanzi ad una collezione estiva. Ma spesso l'arte è anche questo. E' sovversione delle regole, è inventiva. E' saper fuggire nel modo giusto dai limiti che costringono in regole prestabilite. Marc Jacobs è sempre un Re quando si tratta di stravolgere le regole e creare stupore.