Tra copertine, shooting fotografici e selfie “ritoccati” siamo abituati a considerare le star degli esseri perfetti, privi di imperfezioni, di brufoli e di chili in eccesso, praticamente degli angeli scesi dal cielo. E’ risaputo che non è sempre tutta farina del loro sacco ma che, nella maggior parte dei casi, c’è lo zampino di Photoshop, capace di eliminare qualsiasi inestetismo e di donare un aspetto impeccabile anche alle celebrities meno attente alla linea.

Di recente, però, sono sempre di più le star che hanno deciso di dire addio al fotoritocco. L’ultima in ordine di tempo è stata Lena Dunham che, dopo essere apparsa sulla copertina della rivista “Tentaciones”, ha lanciato la sua piccola denuncia su Instagram, affermando:

Capisco che un intero gruppo di persone ha approvato questa foto prima di pubblicarla e perché non avrebbero dovuto farlo? Sono incredibile, ma provo una strana sensazione a vedere una foto in cui non so se il corpo immortalato è il mio (e sono abbastanza sicura che la larghezza della mia coscia non è quella). Non do la colpa ha nessuno, ma ho un rapporto complicato con il foto ritocco.

Lena preferisce essere onesta con se stessa e con i suoi fan, mostrando il suo vero aspetto, piuttosto che apparire più bella di quello che è in realtà, ricorrendo a Photoshop. Se da un lato ci sono star del mondo dello spettacolo che non riuscirebbero a fare a meno del programma "miracoloso", come Beyoncé o Mariah Carey, molte altre portano avanti con orgoglio una campagna “antiritocco”. Degli esempi? Kate Winslet, Naomi Campbell, Gisele Bundchen, Keira Knightley e Lorde.