5 Gennaio 2018
15:11

Le regole che Meghan Markle dovrà rispettare a corte dopo il matrimonio con Henry

Meghan Markle sposerà il principe Henry il prossimo 19 maggio ma per lei non sarà una passeggiata diventare principessa. Non solo dovrà seguire un duro addestramento militare, dovrà anche rispettare alcune regole imposte dal protocollo reale: ecco le più strane.
A cura di Valeria Paglionico

Meghan Markle è fidanzata ufficialmente con il principe Henry e il prossimo 19 maggio lo sposerà, entrando a tutti gli effetti a far parte della Royal Family. Diventare principessa, però, non sarà un gioco da ragazzi. Come è già successo a coloro che l'hanno preceduta, da Lady Diana a Kate Middleton, anche l'attrice americana dovrà seguire un vero e proprio addestramento militare e, come se non bastasse, dovrà imparare a rispettare una serie di regole imposte dall'etichetta reale: ecco quali sono le più bizzarre.

1. Non parlare di politica – I Windsor non votano e devono stare bene attenti a restare sempre neutrali. E' proprio per questo che quando sono in pubblico non possono assolutamente parlare di politica. Per fortuna, però, l'unione del principe Henry con la Markle è già stata approvata dalla regina. Secondo l'etichetta, i primi sei in linea di successione al trono devono chiedere il permesso a Elisabetta II quando hanno intenzione di convolare a nozze,

2. Non mangiare alcuni cibi – Nel momento in cui diventerà la moglie di Henry, Meghan Markle dovrà dire addio a vongole e aragoste. La regina Elisabetta è allergica a crostacei e molluschi e li ha letteralmente banditi dai menù reali. La cosa particolare è che neppure i principi eredi al trono possono "ribellarsi".

3. Rispettare precise posizioni nelle foto – Nella famiglia reale britannica l'ordine di successione è importantissimo. In particolare, quando si fanno delle apparizioni pubbliche o si realizzano degli scatti ufficiali, bisogna disporsi in base alla possibilità di diventare sovrano. Come se non bastasse, è la regina a imporre tutto ciò che bisogna fare a un evento: solo quando lei mangia o si siede, anche gli altri possono farlo.

4. Non usare soprannomi – Quando si diventa parte della Royal Family, bisogna dire addio ai soprannomi e ai diminutivi poiché sarebbero troppo informali. In verità anche il nome "Kate" è al bando, l'unico modo per rivolgersi alla principessa è Catherine, duchessa di Cambridge.

5. Non tenersi per mano – Il protocollo reale impone ai principi di casa Windsor di non tenersi mai per mano in pubblico, proprio come fanno William e Kate Middleton. Anche i baci sono banditi, l'unico concesso è quello che le coppie si scambiano nel giorno delle nozze. Non è un caso, dunque, che la regina e Filippo non hanno mai manifestato affetto in pubblico in ben 70 anni di matrimonio.

6. Non rimproverare i cani della regina – Elisabetta II è appassionata di cani, ha infatti due Corgi che ama alla follia, tanto che a nessuno è permesso rimproverarli. Per fortuna, secondo le indiscrezioni trapelate, la Markle è stata subito simpatica ai cuccioli reali, di sicuro non li farà mai imbestialire.

7. Indossare sempre il cappellino – I cappellini indossati dalla regina e da Kate Middleton non vengono considerati solo degli accessori glamour per arricchire il look, vengono imposti dal protocollo reale durante gli eventi formali. Se ne possono sfoggiare dei più svariati, l'importante è che non si portino sulla testa dopo le 6 del pomeriggio, in quel caso, infatti, devono essere sostituiti con una tiara.

Meghan Markle: un addestramento militare per diventare principessa dopo le nozze con Henry
Meghan Markle: un addestramento militare per diventare principessa dopo le nozze con Henry
Il matrimonio sfarzoso del principe Henry e Meghan Markle: costerà 35 milioni di euro
Il matrimonio sfarzoso del principe Henry e Meghan Markle: costerà 35 milioni di euro
Meghan Markle incinta: ecco le regole del protocollo che dovrà seguire in gravidanza
Meghan Markle incinta: ecco le regole del protocollo che dovrà seguire in gravidanza
Lascia un commento!
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni