Ormai la moda è hi-tech, sono sempre di più i marchi del fashion che tentano di modificare i propri capi per adattarli alle nuove tecnologie, trasformando semplici abiti in veri e prodotti futristici. Ultimamente diverse star hanno calcato i red carpet con abiti tech, tra queste Nicole Scherzinger che ha sfilato indossando un abito su cui apparivano i tweet del suo account, mentre Katy Perry si è esibita sul palco dei suoi concerti con modelli illuminati da fibre ottiche. Tecnologia e moda non si uniscono solo per il puro piacere degli occhi, spesso capi innovativi vengono lanciati sul mercato per facilitare la vita dei consumatori, pensiamo ad esempio alle calze al led lanciate da Gallo per facilitare la vita degli appassionati di corsa notturna o le borsette che ricaricano lo smartphone. Ci sono poi i casi in cui un capo da indossare viene modificato con una tecnologia in grado di salvare la vita ad un uomo, come la T-shirt inventata in Giappone che monitora l'attività cardiaca per rilevare eventuali disfunzioni.

Ora arriva una novità "fashion tech" che renderà più semplice la vita di coloro, soprattutto uomini, che sono sempre connessi tramite il proprio cellulare. Durante l'ultima Fashion Week londinese, sulle cui passerelle sono state presentate le collezioni maschili per la prossima Primavera/Estate 2015, lo stilista britannico Adrien Sauvage, in collaborazione con Microsoft Mobile, ha presentato i primi pantaloni che ricaricano il cellulare. I primi prototipi sono stati creati per gli smartphone Lumia di Nokia e per realizzare l'innovativo capo d'abbigliamento è stata utilizzata la tecnologia dell'induzione elettromagnetica dei caricabatterie wireless. Il designer britannico ha semplicemente preso una delle componenti del Nokia DC-50 e l'ha inserita nella tasca frontale del pantalone. Chi indossa i pantaloni di Sauvage dovra semplicemente infilare il cellulare in tasca per ricaricarlo.

Microsoft ha comunicato che il capo di moda tech verrà messo in vendita prossimamente su Amazon ad un prezzo di 340 dollari. Per adesso queste sono le uniche notizie diffuse, non è ancora chiaro quale possa essere la fonte da cui  il caricabatterie inserito nei pantaloni raccoglie l'energia necessaria per poter ricaricare lo smartphone.