La famiglia Kardashian-Jenner è ormai diventata una delle più famose e seguite al mondo e, nonostante nessuno dei suoi membri abbia dei particolari talenti, riesce sempre a fare scalpore a ogni apparizione pubblica. L'ultima trovata messa in atto da Kendall Jenner per sponsorizzare un marchio con cui ha collaborato è stata davvero geniale. La modella ha annunciato che avrebbe presto rivelato il suo segreto e ieri notte, in contemporanea con i Golden Globe, ha spiegato di aver risolto il suo prema di acne con una crema firmata Proactiv. Molti dei followers, però, non hanno apprezzato l'idea della modella, criticandola fortemente per aver ancora una volta "venduto" la sua immagine.

Kendall Jenner sponsorizza prodotti contro l'acne

Kendall Jenner è la modella più pagata al mondo da due anni e riesce a "trasformare in oro" tutto ciò che tocca. Nelle ultime ore è finita al centro delle polemiche del web, tutto solo per essere diventata ambasciatrice dei prodotti curativi della pelle firmati Proactiv. Sabato la mamma Kris Jenner aveva annunciato che entro le successive 24 ore la figlia Kendall avrebbe rivelato il suo più grande segreto, alimentando le aspettative dei fan. In contemporanea con l'inizio dei Golden Globe, poi, la top model ha condiviso una Stories in cui ha parlato dei suoi problemi di acne. "Ricordo di essere andata online e di aver visto tutte le cose orribili che la gente diceva su me e sulla mia pelle", ha spiegato Kendal facendo riferimento a una sua vecchia apparizione sul red carpet in cui i brufoli erano abbastanza evidenti. Se da un lato alcuni hanno acclamato il suo coraggio, visto che non tutti si sentono così sicuri a parlare liberamente di acne, dall'altro sono stati moltissimi quelli che non hanno approvato la trovata pubblicitaria e si aspettavano qualche rivelazione più "sconvolgente". La Jenner, invece, non ha fatto altro che pubblicizzarsi, annunciando semplicemente di essere diventata l'ambasciatrice dei prodotti per la cura della pelle Proactiv. Si è trattata di una forma di auto-promozione o di un atto di coraggio?