Non fa in tempo ad indossare un particolare modello che già è sold out. Ad ogni uscita pubblica Kate Middleton ha tutti gli occhi puntati sui suoi look, in gravidanza e dopo il parto tale attenzione si è triplicata. Soprattutto in Inghilterra, gli abiti della Duchessa sono veri e propri cult, super richiesti dalle fashioniste e dalle amanti del "Kate Style". Appena la neo mamma indossa un abito dal prezzo abbordabile tutte le donne inglesi fanno a gara per averlo. Questo determina una richiesta enorme che manda in tilt i marchi low cost non abitutati ad una richiesta simile.

L'ultimo abito in ordine di apparizione ad aver registrato il sold out in poche ore è il modello floreale del marchio Séraphine, scelto da Kate per la seconda apparizione dopo il parto. L'abito fino a poche ore prima era in vendita online a sole 50 sterline. Dopo che Kate l'ha indossato, sul sito del brand è comparsa questa frase: «A causa della grande popolarità di questo abito, sappiate che esiste una lista d'attesa di sei settimane. Disponete il vostro ordine e lo stock sarà distribuito nella settimana che inizia il 2 settembre». Inutile dire che le vendite di Séraphine sono aumentate del 40% in meno di una settimana.

Poco prima del floreal dress a far impazzire le donne era stato l'abito a pois scelto per il dopo parto, in quel caso però si trattava di un modello su misura, realizzato dalla stilista Jenny Packham per la Duchessa, inutile dunque la ricerca spasmodica. Ancora prima il tubino scuro di Zara, l'abito a pois di Topshop e il modello premaman da 23 euro di Asos avevano fatto registare il tutto esaurito mandando in tilt gli e-shop dei marchi low cost. Sembra dunque che per lanciare un marchio o far impennare le vendite di una maison di moda basta convincere Kate Middleton a diventare "promoter", con una sola uscita della Duchessa il successo e gli incassi milionari sono assicurati.