Kate Middleton è in quarantena con la famiglia ad Anmer Hall e, nonostante l'emergenza Coronavirus l'abbia costretta a rinunciare a ogni tipo di evento pubblico, sta continuando a lavorare da casa. Nelle settimane scorse si è immortalata all'interno dello studio della tenuta reale in compagnia del marito William e successivamente si è data alle videochat sia familiari che professionali. La Duchessa non ha abbandonato i suoi fan e, sebbene per il momento può farlo solo in forma virtuale, non ha perso occasione per mostrarsi in pubblico, continuando a incantare tutti con i suoi look trendy, questa volta in versione "casalinga". C'è un dettaglio molto particolare che forse anche agli appassionati di moda è sfuggito: la principessa sta sostenendo il settore fashion Made in Britain in questo momento difficile.

Ogni volta che è apparsa in video, infatti, ha indossato capi di Maison, stilisti emergenti e brand inglesi, facendo registrare dei veri e propri boom di vendite ai marchi in questione. È il caso, ad esempio, dell'abito di seta giallo firmato Raey sfoggiato per un'intervista a This Morning, del vestito blu a fiori del marchio londinese Ghost, scelto per applaudire il personale sanitario britannico in compagnia dei figli, del maglione a righe bianche e azzurre di Tabitha Webb o il vestitino azzurro di Boden. A fare eccezione, solo il pullover color senape di Zara, quello che ha indossato per la prima videochat della storia della Royal Family. Insomma, Kate sta facendo il possibile per sostenere l'economia britannica: in questo momento duro parlare di vestiti potrà sembrare una frivolezza ma la verità è che è un piccolo punto di inizio per aiutare le aziende fashion a ripartire.