La doccia è una delle cose che tutti utilizziamo quotidianamente e che tende dunque a sporcarsi con facilità. Tra calcare, capelli e lo scarico che si ottura, in pochi pensano al soffione che, sottoposto di continuo a calore ed umidità, col passare del tempo si logora, si incrosta con facilità e i suoi forellini, quelli che consentono all’acqua di scorrere, si ostruiscono.

Per far sì che tutto ciò non avvenga e per farlo tornare splendente e funzionale in un batter d'occhio esistono però dei rimedi naturali molto efficaci. La soluzione migliore per eliminare ogni traccia di calcare è smontarlo ed immergerlo per qualche ora in una bacinella riempita con una parte di acqua e due di aceto bianco. Subito dopo, non resta che sciacquarlo sotto l’acqua corrente ed eliminare gli eventuali residui di calcare con un panno in cotone o microfibra. I soffioni moderni, però, non possono essere smontati con facilità.

Per utilizzare ugualmente l’aceto per scrostarli, il consiglio è riempire un sacchetto di plastica ed immergerci dentro il soffione, fissandolo con elastici o con del nastro adesivo. Anche in questo caso l’effetto anticalcare è garantito. Per pulire ancora meglio gli augelli del soffione, si potrà passare uno spazzolino da denti sui forellini subito dopo averlo lasciato nella soluzione creata con l’aceto. Se quest’ultimo non dovesse bastare, si può usare anche un ago o uno stuzzicadenti. Il segreto per rendere questa operazione meno faticosa è ripeterla periodicamente almeno una volta ogni due o tre mesi, così da evitare che il calcare faccia dei danni più duraturi.