Da sinistra a destra: Jil Sander, Ermanno Scervino, Prada
in foto: Da sinistra a destra: Jil Sander, Ermanno Scervino, Prada

Soffici piumini dai colori vitaminici, mantelle eleganti o rigorosi cappotti dall'aria militare, lunghi fino ai piedi: i saldi invernali sono il momento giusto per affrontare l'acquisto del cappotto, un vero e proprio investimento per gli anni a venire. Il cappotto è un'armatura contro il freddo invernale, ma anche il capo in cui "rifugiarsi": veste, protegge, coccola. E a volte nasconde anche qualche piccolo peccato di stile, come una felpa o una tuta che non vogliamo mostrare: un bel cappotto da stringere in vita e non ci si pensa più. Per questo è un acquisto impegnativo, da studiare bene: questo inverno le passerelle hanno proposto modelli classici come il cappotto cammello, o pratici, come i piumini super chic di Ferragamo e Prada. Qualunque sia il modello scelto, la regola che viene dalle sfilate è una: lungo e stretto in vita da una cintura. Il vero must-have? Il teddy bear amato dalle influencer. Ecco i modelli su cui puntare approfittando dei saldi.

1. Il cappotto piumino

Il cappotto in versione piumino è l'indumento giusto per affrontare il maltempo invernale ma anche per dare una sferzata d'energia al look: caldo e impermeabile, si sposa bene con colori vitaminici o nelle nuance più delicate del rosa o del bianco sporco.  Quest'anno lo abbiamo visto nelle sfilate di Prada, Salvatore Ferragamo e Max Mara in versioni urbane ma molto chic. Un modello scivolato, nero o blu, si porta anche in un'occasione formale coniugando praticità e stile: completa il look lo stivale in gomma, ormai sdoganato anche in città e con il sole.

Sfilata Prada Autunno/Inverno 2020–21
in foto: Sfilata Prada Autunno/Inverno 2020–21

2. Il cappotto a mantella

Elegante e sofisticata, la mantella è uno di quei capi che richiamano subito epoche passate, castelli e cavalieri. Quest'anno torna sulle passerelle in versione chic e contemporanea, da drappeggiare intorno alle spalle o per lasciarsi avvolgere completamente in un caldo abbraccio. Quella a righe proposta da Max Mara si porta sopra un altro cappotto in un gioco di sovrapposizioni, mentre quella di Balmain si porta su una spalla, con studiata nonchalance. Celine si ispira agli anni Settanta, con mantelle su abiti floreali per un effetto boho-chic. Micheal Kors invece guarda alle Highlands scozzesi, proponendola in una fantasia a quadri, chiusa sul petto da un cinturino in pelle. Per non sbagliare nella scelta, l'ideale è puntare su una nuance naturale: marrone, muschio o grigio fumo.

Sfilata Michael Kors Autunno/Inverno 2020–21
in foto: Sfilata Michael Kors Autunno/Inverno 2020–21

3. Il cappotto lungo con la cintura

Dalle gonne ai cappotti, l'orlo quest'anno si porta rigorosamente lungo: in passerella abbiamo visto soprabiti che sfiorano le caviglie, stretti in vita da una cintura con la fibbia. Non si tratta del classico modello a vestaglia (con la cintura dello stesso tessuto) piuttosto di una cintura a contrasto, magari in pelle, da chiudere sopra il cappotto. Il modello di cappotto lungo e scivolato, dall'aria militare, ha calcato le passerelle in mille varianti di colore: nero ed essenziale quello di Jil Sander, folk con le frange quello di Etro. Il look da copiare è quello proposto da Miu Miu: un cappotto marrone, lungo fino ai piedi, stretto con una cintura in cuoio su un abito in raso effetto sottoveste. Un contrasto molto femminile in un look che richiama gli anni Quaranta.

Sfilata Miu Miu Autunno/Inverno 2020–21
in foto: Sfilata Miu Miu Autunno/Inverno 2020–21

4. Il cappotto teddy bear

Le influencer lo hanno eletto il modello di tendenza dell'inverno: il morbido teddy bear, il cappotto dall'effetto peluche è il vero must-have della stagione. Da Alessandra Mastronardi a Chiara Ferragni, le celebrities lo hanno scelto in mille nuances: grigio, biscotto, rosa Schiaparelli. Durante le sfilate delle collezioni invernali il teddy è stato presentato sia nelle versioni più classiche, come quelle firmate Max Mara, sia in colori accesi come il verde foglia di Coach o quello dall'aria bohemienne di Etro. L'effetto peluche ha invaso a cascata il guardaroba: dall'alta moda ai brand low cost, quest'anno è un tripudio di giacche, felpe e perfino cappelli morbidi al tatto. Un capo da mettere sicuramente nella lista dei must-have per l'inverno: il teddy bear è il miglior alleato contro il freddo pungente.

Sfilata Max Mara Autunno/Inverno 2020–21
in foto: Sfilata Max Mara Autunno/Inverno 2020–21

5. Il camel coat

Nato per accompagnare la nobiltà inglese sui campi da polo, il cappotto cammello negli anni è stato amato dalle dive di Hollywood, dalle royals e dagli stilisti, che lo hanno declinato in mille modi diversi. È un capo eterno per definizione, perché si abbina a tutto, non passa mai di moda e si porta a tutte le età. I saldi sono l'occasione giusta per fare un acquisto strategico prendendo spunto dai modelli visti in passerella. Max Mara ne ha fatto un pilastro della sua collezione invernale, proponendolo in versioni più essenziali o più romantiche, con le ruches. Valentino ha scelto una versione romantica, ingentilita da un ricamo a fiori mentre Hermés ha puntato su un'allacciatura laterale, con cintura a contrasto. Quello bon ton di Chloé, in una delicata sfumatura color sabbia, di cinture ne sovrappone addirittura due.

Sfilata Chloé Autunno/Inverno 2020–21
in foto: Sfilata Chloé Autunno/Inverno 2020–21