Qualche giorno fa, il lancio della nuova collezione di Barbie Fashionistas ha creato una vera e propria rivoluzione nel mondo dei giocattoli, visto che per la prima volta in 57 anni l’aspetto dell’iconica bambola è cambiato in modo radicale, dando spazio ad ogni tipo di fisicità femminile. Da quel momento, sembra proprio che tutte le donne vogliano essere rappresentate dalla Barbie.

Dopo la bimba che ha lanciato una petizione per far produrre alla Mattel la Barbie calva, in modo da sostenere le donne malate di cancro, è arrivata anche la bambola con il velo mussulmano. Si chiama “Hijarbie”, per il momento “vive” solo su Instagram e mescola tradizione e modernità, interpretando alla perfezione i panni di una giovane mussulmana. A crearla, è stata una giovane studentessa nigeriana, chiamata Hannefah Adam, che per realizzarla si è ispirata al suo guardaroba personale, fatto di veli colorati e lunghe gonne a fantasia. La sua idea innovativa ha guadagnato già milioni di followers, anche se per il momento rimane solo un giocattolo “virtuale”.

La sua speranza è che possa essere il primo passo verso l’integrazione culturale delle ragazze mussulmane che vivono lontane dalle loro tradizioni e che spesso non vengono capite dagli occidentali. Per tutte quelle che per questioni religiose e culturali sono costrette a portare lo hijab, si tratta di un momento importante, dimostra che l’evoluzione della bambola più famosa al mondo si avvicina giorno dopo giorno. Il sogno di Hannefah è che la Mattel possa notare la sua Hijarbie e decidere di lanciarla sul mercato internazionale.