Il 6 luglio viene celebrata la Giornata mondiale del bacio, detta anche World Kiss Day. E’ nata in Inghilterra nel 1990 con lo scopo di rievocare la sacralità che si nasconde dietro questo gesto all’apparenza tanto semplice ma in realtà molto intimo e romantico. Se in passato baciarsi sulle labbra veniva considerato sinonimo di amicizia e rispetto, oggi le cose sono cambiate.

Scambiarsi un gesto di affetto simile viene collegato esclusivamente alla sfera amorosa e sessuale e alla volontà di mostrare i propri sentimenti con dolcezza. Coloro che ritengono si tratti di qualcosa di banale dovrebbero sapere che fa bene alla salute poiché migliora l'umore, combatte lo stress e aumenta l'autostima. Come se non bastasse, può essere considerato anche molto più intimo del sesso. Non esiste dunque nessuna buona ragione per cui non lo si dovrebbe fare spesso. Il bacio, quando dato sulla guancia, viene però utilizzato anche come forma di saluto.

In Francia, Paesi Bassi, Ucraina e Serbia se ne danno tre, in Italia uno o due, in Giappone il bacio in pubblico è segno di maleducazione, mentre in Kenya viene considerato un gesto impuro da compiere solo nella sfera privata. Insomma ogni paese ha le sue convinzioni nel momento in cui si parla di baci. Con le forme di comunicazioni moderne, l’idea di amore è completamente cambiata rispetto al passato. Con la giornata del bacio si intende far riscoprire in ogni parte del mondo quanto sia importante il bacio, il simbolo dell’eccellenza dei sentimenti, capace di rendere un rapporto meno scontato e di non far dimenticare il lato romantico del corteggiamento.