Emily Ratajkowski è diventata mamma da quasi un mese, ha messo al mondo il piccolo Sylvester, il primo figlio nato dal matrimonio con Sebastian Bear-McClard, e non potrebbe essere più felice. Certo, ha dovuto rivedere le sue priorità ma svegliarsi ogni mattina con il bimbo accanto a lei le fa dimenticare ogni sacrificio. Sui non ha potuto fare a meno di condividere dei post per documentare la sua nascita, dalla foto in cui si è mostrata per la prima volta con il neonato tra le braccia agli scatti realizzati in pieno travaglio, ma solo di recente si è mostrata alle prese con le prime uscite da neomamma. Il dettaglio che ha attirato le attenzioni dei fan? Per portare in giro il bimbo preferisce i marsupi ai classici passeggini.

I marsupi originali di Emily Ratajkowski

Sebbene Emily Ratajkowski non ami documentare ogni singolo dettaglio della nuova vita da mamma, si immortala spesso in compagnia del piccolo Sly. Di recente, ad esempio, lo ha portato in giro per New York ma la cosa particolare è che non ha usato il classico passeggino. A differenza della neomamma Chiara Ferragni (che per Baby Vittoria ha puntato tutto su un passeggino Dior), la modella americana preferisce i marsupi, così da tenere sempre il piccolo tra le braccia anche mentre passeggia. Ne ha diversi modelli molto originali, da quello animalier a quello decorato con le nuvolette, e ad accomunarli c'è il fatto che sono "di lusso". I marsupi di Emily sono infatti firmati Artipoppe, brand leader nel settore baby, e sul sito ufficiale vengono venduti rispettivamente a 797 e 353 euro.

I marsupi firmati Artipoppe
in foto: I marsupi firmati Artipoppe

I benefici dei marsupi porta-bebè

Il motivo per cui la Ratajkowski preferisce il marsupio al passeggino? Probabilmente perché è rimasta estasiata di fronte agli innumerevoli benefici dell'accessorio per neonati. Innanzitutto rende più pratici gli spostamenti su percorsi accidentati all'aria aperta, asseconda poi la naturale posizione del piccolo grazie alla sua struttura ergonomica, riducendo l’appiattimento del capo legato alla posizione sdraiata nella culla o nella carrozzina. Il bambino, inoltre, ha la possibilità di essere cullato durante la passeggiata, stando sempre a stretto contatto con il corpo del genitore e instaurando con lui un rapporto ancora più profondo. Quanti sono le mamme e i papà che prenderanno esempio dalla modella?