È inutile negarlo: l'ossessione di ogni donna sono i capelli. Chi li ha ricci li vorrebbe lisci, chi li ha lisci li vorrebbe ricci, il riccio non è mai definito al punto giusto e il liscio combatte continuamente contro l'umidità. Ma c'è un file rouge in comune tra tutte le donne: l'ossessione di avere i capelli sempre perfettamente puliti.

Il capello deve essere sempre perfettamente curato, la piega deve essere impeccabile, ma soprattutto deve essere perfettamente pulito. Capita allora che lo shampoo diventa una vera e propria ossessione, non più solo un rituale di bellezza: complici lo smog, l'inquinamento, lo stress e a volte anche la cattiva alimentazione il giorno dopo lo shampoo i capelli possono risultare appiattiti, e non c'è coda che tenga. Se alcune donne raccolgono i capelli in pratici e comodi chignon quando la piega non è più perfetta, altre preferiscono ricorrere subito allo shampoo: in alcuni casi è contemplato lo shampoo secco, che dona più volume ai capelli, ma in altri si sente l'esigenza di ricorrere allo shampoo vero e proprio, a discapito di chi dice che lavare troppo spesso i capelli potrebbe indebolirli.

Che sia una mania, un'ossessione o un'esigenza particolare raramente troverete una donna con i capelli non perfettamente puliti. Ma la domanda nasce spontanea: perché? La risposta non può essere una soltanto, e non ha nulla a che vedere con il fattore igienico. La donna, si sa, è la regina delle complicazioni e basta un minimo dettaglio fuori posto per renderla irascibile e per trasformarle l'umore: non sia mai che in un selfie ci sia un ciuffo fuori posto o che i capelli risultino opachi e privi di volume. E se poi il tuo uomo ti abbraccia e i tuoi capelli non profumano di bouquet floreale? Cosa potrebbe succedere? Secondo me, almeno nel mio caso, la motivazione reale della mia ossessione arriva dall'infanzia: mia nonna aveva sempre, e dico sempre, i bigodini in testa per avere un riccio perfetto, sia che stesse facendo i gnocchi o sia che stesse raccogliendo i fiori nel giardino di casa sua. Mia mamma, chiaramente figlia di mia nonna anche sotto questo punto di vista, mi minacciava: “adesso ti lavo i capelli”. E sapevo già che sarebbero stati i quindici minuti più brutti della giornata con shampoo negli occhi, urla a dismisura a phon troppo caldo. Forse è proprio per questo che ora ho anche io l'ossessione dei capelli puliti: temo che da un momento all'altro arrivi mia nonna con i suoi bigodini a rimproverarmi sul fatto che i miei capelli non siano perfetti e mia mamma con in mano lo shampoo che riconoscerei tra mille per quanto l'ho odiato.