Dopo lo scandalo che ha investito Abercrombie&Fitch, il marchio americano ritorna sui suoi passi e decide di aprirsi al mondo delle plus size iniziando a produrre abiti da donna al di sopra della taglia 42. Qualche tempo fa furono le parole del Ceo di Abercrombie a scatenare un'enorme polemica: Mike Jeffries aveva affermato durante un'intervista che il suo marchio desiderava vestire solo le persone "cool", quelle magre e popolari, per questo negli store della catena non erano disponibili le taglie over. Tali dichiarazioni hanno scatenato le reazioni del pubblico e di diverse celebrità americane e soprattutto hanno portato ad una diminuzione del 30% dei profitti. Oggi sembra che Abercrombie abbia finalmente deciso di ampliare la gamma delle taglie disponibili.