La piastra per capelli è uno strumento indipensabile e molto utilizzato, perchè permette di avere uno styling perfetto non solo per la stiratura dei capelli, ma anche per la creazione di onde e di acconciature. Realizzata in ceramica, titanio o tormalina, è un oggetto che può durare anche molti anni nel caso dei modelli migliori, ma che ha bisogno di una manutenzione costante.

La tua piastra per capelli puzza, oppure è incrostata? È colpa della mancata manutenzione, ma anche dell'utilizzo di spray termoprotettori e altri prodotti per lo styling che tendono a incrostarsi e a rovinare le piastre. Una piastra sporca non fa bene il suo lavoro, e anzi rischia di rovinare i capelli, perciò è importante pulirla periodicamente.

Se utilizzi questo strumento tutti i giorni, dovresti pulire la piastra almeno una volta al mese, mentre puoi farlo una volta ogni due mesi nel caso di un utilizzo saltuario. Ecco una guida per capire come pulire la piastra per capelli con o senza alcol, con una parte dedicata a come pulire la piastra per capelli a vapore.

La piastra per capelli puzza? Ecco come pulirla

Se quando accendi o la utilizzi la piastra per capelli puzza, vuol dire che è assolutamente arrivato il momento di pulirla. In questo caso sarà quasi indispensabile utilizzare l'alcol: si tratta infatti di una pulizia straordinaria, perchè se la piastra puzza vuol dire che è arrivata proprio al suo punto limite.

Prima di vedere come pulire la piastra per capelli passo dopo passo, è necessario fare una raccomandazione importantissima: non bisogna mai dedicarsi alla pulizia della piastra mentre questa è in corrente o è molto calda.

Presa questa precauzione, ecco tutti gli step per pulire la tua piastra e trasformarla come nuova:

  • Procurati un panno e inumidiscilo con acqua non troppo calda
  • Passa delicatamente il panno sulle due piastre, facendo attenzione a non graffiarle nel caso delle piastre in ceramica
  • Il panno non riesce a pulire gli spazi più piccoli: per le fessure e le parti più difficili utilizza un cotton fioc inumidito in acqua tiepida
  • Procurati un altro panno e imbevilo con un po' di alcol etilico denaturato, dopodichè passalo delicatamente sulle piastre
  • Prendi un panno pulito e asciuga il tutto

In caso di sporco ostinato e incrostazioni, al posto del panno in microfibra o cotone puoi utilizzare uno spazzolino, in modo tale da avere una pulizia più profonda ed efficace (ma sta' attenta a non graffiare le piastre!).

In alternativa all'alcol, puoi scegliere di usare dell'acqua ossigenata mescolata con bicarbonato di sodio: una volta raggiunta una consistenza cremosa, applicala sulle placche della piastra con uno spazzolino e poi asciuga bene il tutto servendoti di un panno pulito.

Un altro modo per pulire la piastra è utilizzare il relaxer per capelli, applicandolo sulle placche e facendo in seguito riscaldare la piastra; basterà staccare la spina una volta raggiunta una temperatura media, e pulire la piastra con un panno leggermente inumidito per eliminare il detergente.

Potrebbe interessarti anche: le 10 migliori piastre per capelli professionali da usare a casa

Come pulire la piastra per capelli senza alcol

Vuoi dedicarti alla pulizia della tua piastra ma non vuoi utilizzare alcol e in generale vorresti evitare prodotti chimici? I detergenti o l'alcol vengono utilizzati in caso di sporco ostinato, quando la piastra non viene pulita da un bel po' di tempo.

Se vuoi sapere come pulire la piastra per capelli senza alcol, dovrai necessariamente dedicarti con maggiore frequenza alla pulizia di questo strumento. Si tratta comunque di un'operazione semplice e veloce, che non richiede particolari sforzi o perdita di tempo, e nel caso delle migliori piastre per capelli può darti grandi soddisfazioni.

Per la pulizia ordinaria ti basterà dell'acqua tiepida, con la quale puoi scegliere di inumidire un panno in microfibra – per un'azione più "light" – o uno spazzolino da denti – per un'azione più "strong".

Come pulire la piastra a vapore per capelli

La piastra a vapore per capelli si pulisce nello stesso modo in cui si puliscono tutte le altre tipologie di piastre; nel caso di questo modello bisogna però fare un passo ulteriore, ovvero dedicarsi alla pulizia del serbatoio d'acqua.

Come sappiamo, l'acqua del rubinetto contiene delle microimpurità che possono nel lungo periodo danneggiare gli elettrodomestici, e anche per la piastra a vapore può succedere lo stesso. Se vivi in un'area con una grande percentuale di calcare nell'acqua, l'ideale è utilizzare direttamente dell'acqua demineralizzata per il serbatoio della piastra a vapore.

Un'alternativa all'acqua demineralizzata può essere pulire il serbatoio con un panno imbevuto in acqua e anticalcare, facendo attenzione a eliminare tutti i residui di detergente nella fase finale della pulizia.