I cambi di stagione sono il momento ideale per dedicarsi alla pulizia dell' armadio: una volta liberato da tutti gli indumenti, si potrà  procedere alla pulizia interna, compresi ripiani e cassetti, per poi passare alla pulizia esterna, della parte superiore e delle ante. Potremmo così approfittare per eliminare anche gli abiti che non ci piacciono o che non indossiamo più: avremo così un armadio pulito, ordinato e più facile da sistemare, oltre che più profumato. Scopriamo allora come pulire l'armadio, utilizzando rimedi semplici e naturali per non rovinarlo, e i consigli per mantenerlo profumato e in ordine a lungo.

Come pulire l'armadio all'interno e all'esterno con i rimedi più efficaci

Effettuate la pulizia dell'armadio almeno una volta al mese, dedicando magari maggiore attenzione durante il cambio di stagione, momento nel quale approfittiamo di solito per disfarci dagli indumenti che non utilizziamo più. Partiamo con la pulizia interna dell'armadio svuotandolo completamente, compresi i cassetti: se gli indumenti sono tanti procedete per settori, svuotando di volta in volta le ante, per non rischiare di accumulare troppo capi. Come prima cosa eliminate la polvere e i residui di stoffa o carta con un panno leggermente inumidito e poi procedete con la pulizia. Meglio utilizzare miscele naturali e non aggressive, senza danneggiare le superfici, che sarà possibile utilizzare su tutti i materiali. Evitate invece i prodotti chimici per pulire i mobili, anche perché potrebbero venire poi a contatto con gli indumenti che indossiamo. Preparate allora una soluzione realizzata con 250 ml di acqua calda, 2 cucchiai di sapone di Marsiglia a scaglie e 5 gocce di olio essenziale alla lavanda, o quello che preferite. Versate il sapone di Marsiglia nell'acqua e mescolate per farlo sciogliere, unite poi l'olio essenziale. Trasferite la miscela in uno spruzzino e vaporizzate su ante interne e ripiani partendo dall'alto: utilizzate un panno morbido ed eseguite movimenti circolari. Potete anche non risciacquare, l'importante è far asciugare bene prima di riporre gli indumenti. In alternativa potete pulire l'armadio con l'aceto: eliminate lo sporco imbevendo un panno di microfibra con dell'aceto bianco, che aiuterà anche a tenere lontani i piccoli parassiti che possono trovarsi all'interno del mobile. Lasciate asciugare bene e, non appena l'armadio sarà completamente asciutto sistemate all'interno, anche nei cassetti, dei fogli di giornale: l'inchiostro, non è gradito agli insetti, soprattutto alle "farfalline". Trascorse 24 ore, assicuratevi che sia tutto asciutto, togliete i giornali e risistemate gli abiti nell'armadio. Un'altro rimedio che svolge anche un'azione antisettica, si può realizzare con acqua di rose e bicarbonato: lascerà nell'armadio anche una gradevole profumazione.

Terminata la puliza interna, è il momento di passare alla pulizia esterna dell'armadio. Cominciate sempre dall'alto: di solito la parte superiore è sempre la più complicata da raggiungere, quella in cui si accumula anche più sporco, soprattutto se si tratta di armadi molto alti che arrivano quasi al soffitto. Per evitare di spargere polvere, utilizzate da subito un panno umido e poi asciugate bene con un panno morbido e asciutto. In alternativa potete utilizzare un aspirapolvere con braccio telescopico e possare dopo un panno umido per eliminare i residui di polvere. Per le ante potete utilizzare la miscela di acqua e sapone di Marsiglia utilizzate per la parte interna. Se dovete pulire un armadio laccato, utilizzate solo acqua calda e un panno in microfibra ben strizzato per mantenere la superficie lucida e libera da graffi.

Anti tarme naturale fai da te per preservare armadio e indumenti

Una volta pulito l'armadio potete procedere alla preparazione di un anti tarme naturale che vi aiuterà a preservare al meglio anche gli indumenti, una volta riposti. Per realizzarne uno naturale e fai da te ci occorreranno solo 1 limone o 1 arancia e dei chiodi di garofano: Ricavate dal limone o dall'arancia delle bucce sottili, aiutandovi con un coltello. Lasciatele asciugare all'aria per alcune ore e infilate poi su ogni buccia almeno 4 chiodi di garofano. Sistematele poi in un sacchetto di tulle o di garza, e chiudetelo con un nastrino. Appendetelo poi, con le estremità del nastro, alla gruccia. Potete lasciare alcuni sacchetti anche nei cassetti o sui ripiani: oltre a proteggere i vestiti dalle tarme doneranno anche un gradevole profumo all'armadio.

I consigli utili per prolungare la pulizia dell'armadio e mantenerlo profumato

Ora che il vostro armadio è pulito, sapete come mantenerlo così per lungo tempo? Innanzitutto ricordate di tenerlo chiuso: dimenticando ante o cassetti aperti, infatti, la polvere si accumulerà velocemente. Un'altra buona abitudine è quella di sistemare gli abiti indossati in un cassetto o uno ripiano separato, evitando di sistemarli insieme a quelli lavati: in questo modo eviterete la formazione di cattivi odori e di muffa. Per mantenere l'armadio pulito, vi basterà poi passare un panno attira polvere, almeno ogni due settimane soprattutto sui ripiani più utilizzati ed esposti. Potete poi mantenere profumati  ripiani e cassetti realizzando dei profumi fai da te per l'armadio utilizzando oli oppure pot-pourri di fiori secchi  a base di lavanda, rosa, erbe aromatiche, ma anche spezie come cannella o vaniglia che, in molti casi, oltre a profumare, terranno lontane anche le tarme.

I trucchi per tenere in ordine l'armadio

Se, dopo la pulizia dell'armadio, volete tenere i ordine i vostri indumenti, la cosa più importante sarà ottimizzare gli spazi. Innanzitutto scegliete tutte grucce della stessa dimensione e tipologia, per evitare, sia il disordine visivo di tante grucce diverse, ma anche perché alcuni abiti, giacche o camicie, potrebbero non essere in linea a urtare con la parte bassa dell'armadio. Appendetele poi nella stessa direzione, con il gancio rivolto verso l'interno. Per mantenere gli abiti in ordine sugli appendiabiti potete utilizzare un semplice trucco, le linguette delle lattine, dopo averle ovviamente pulite: in questo modo potrete raddoppiare il numero di grucce nello stesso spazio. Infilate la linguetta nel gancio della prima gruccia e poi appendete nell'altro foro della linguetta un'altra gruccia: in questo modo, non solo recupererete spazio, ma potrete creare degli abbinamenti, ad esemio con camicia e giacca, così da trovare un outfit già pronto per il mattino.

Un altro trucco per tenere in ordine l'armadio è il decluttering, disciplina legata al Feng Shui, arte taoista cinese, secondo cui accumulare oggetti inutili e disordinati, limiterebbe il fluire delle energie positive. In poche parole, per creare spazio nel vostro armadio, dovrete liberarvi dei capi che non indossate più. Se la cosa vi risulta difficile, allora adottate questo stratagemma: appendete con il gancio verso l'esterno dell'armadio, gli abiti che avete indossato almeno una volta. Dopo un po' di tempo vi accorgerete che ci sono alcuni capi che non avete mai indossato: vi bastera guardare la direzione delle grucce. Potrete così eliminare tutti gli indumenti superflui e donare in beneficenza tutti quelli in buono stato: farete così spazio nell'armadio e aiuterete chi è in difficoltà. Utilizzate infine dei contenitori per indumenti, nei quali potrete sistemare quelli che indossate raramente, e solo per occasioni speciali: riponeteli ben piegati così non si rovineranno e li troverete in ordine al momento di indossarli.