La candida è una delle infezioni intime più diffuse. Le statistiche dicono che almeno il 70% delle donne e il 28% delle adolescenti ha avuto a che fare con questo tipo di infezioni. A scatenarla è un fungo, la candida appunto che vive normalmente all'interno dell'apparato genitale femminile, il nome corretto di questa infezione è infatti vulvovaginite da candida. "Quando le difese immunitarie calano, quando si assume la pillola anticoncezionale, oppure durante la fase premestruale e anche durante la gravidanza, le probabilità di contrarre quest'infezione aumentano – ha spiegato a Fanpage.it il dottor Claudio Paganotti, ginecologo e responsabile dell'Area Ginecologia dell'Istituto Clinico Città di Brescia – Tutte queste situazioni possono alterare l'equilibrio degli altri microganismi presenti e favorire la proliferazione della candida". I sintomi sono estremamente fastidiosi: perdite vaginali bianche piuttosto dense, prurito, dolore quando si urina e nei rapporti sessuali.

Perché la Candida colpisce più in estate

In estate le donne sono più frequentemente soggette a infezioni come cistite e candidosi: "Tra le cause che possono scatenare la candida dobbiamo includere anche lo stile di vita e in particolare l'alimentazione: un eccesso di zuccheri ad esempio può essere un fattore rilevante per la sua comparsa. Poi può essere scatenata anche alcuni indumenti particolarmente aderenti e in questo caso, i costumi da bagno giocano il loro ruolo. E poi la candida segue spesso la cistite, che è scatenata da fattori prettamente estivi, tra cui il caldo". 

Come prevenire la candida in modo naturale

L'abbiamo detto, la candidosi in situazioni di normalità vive nel nostro apparato genitale. Per prevenire la proliferazione di questo fungo è bene seguire alcune regole: "In primis è buona abitudine utilizzare un detergente delicato e diluirlo anche con un po' d'acqua. Scegliamo detergenti con un ph4 massimo 5, se possibile scegliamo dei saponi oleosi e non troppo schiumogeni. Poi evitiamo di sfregare quando ci asciughiamo e cerchiamo invece di tamponare". Altre indicazioni invece sono rivolte al nostro abbigliamento: "L'ideale sarebbe la biancheria di seta. In alternativa meglio una biancheria di cotone non troppo stretta o aderente". E poi due buone abitudini da adottare: "Evitare di tenere le gambe accavallate troppo a lungo, per evitare di aumentare caldo e umidità nella zona vaginale. E poi se possiamo, cerchiamo di dormire senza slip: in questo modo consentiremo una traspirazione fisiologica. Il pigiama, purché non sia aderente, può essere indossato". Anche la natura ci viene in aiuto: "Con il nostro medico possiamo concordare l'assunzione di lactobacilli (sia ovuli che compresse), degli integratori a base di vitamina C, che aumentano le difese immunitarie, e di utilizzare degli estratti di alcune piante, come quello di tea tree oil che ha una buona azione antimicotica". Infine anche la dieta ci può sostenere nella prevenzione della candida: "Ridurre gli zuccheri semplici dalla proprio alimentazione e assumere fermenti lattici può essere estremamente utile. Nei casi di recidive può essere risolutivo rivolgersi a un nutrizionista che definisca un piano alimentare ad hoc per quest'infezione. 

Come curare la Candida

Quando si ha a che fare con un'infezione di questo tipo è bene rivolgersi immediatamente al proprio ginecologo. "La cura consiste in farmaci antimicotici, ovuli o compresse. Non perdiamo tempo, parliamone subito con il medico in modo da identificare immediatamente l'infezione e scegliere la cura da seguire". Quando invece si è in presenza di un'infezione recidiva, che non riesce a guarire subito, la cura può essere anche svolta per via orale. Un consiglio finale riguarda anche i rapporti sessuali: "L'infezione da Candida si può trasmettere anche al proprio partner. Per questo se il nostro partner manifesta dei sintomi è bene che anche lui si curi immediatamente, per evitare l'effetto ping pong".

Le informazioni fornite su www.fanpage.it sono progettate per integrare, non sostituire, la relazione tra un paziente e il proprio medico.
i