420 CONDIVISIONI

Cinquant’anni fa moriva Coco Chanel: i suoi abiti parlavano alle donne di emancipazione e libertà

Ricorre oggi il cinquantesimo anniversario della morte di Coco Chanel, avvenuta quando aveva 87 anni. Dal profumo Chanel n°5, alla borsa trapuntata 2.55 fino all’iconico tubino nero, la stilista francese (fondatrice dell’omonima Maison) è diventata una figura iconica che ha rivoluzionato non solo la moda, ma anche la figura femminile.
Entra nel nuovo canale WhatsApp di Fanpage.it
A cura di Giusy Dente
420 CONDIVISIONI
Vera e propria icona di stile, Coco Chanel ha avuto il merito di rivoluzionare il concetto di femminilità, sdoganando i capelli corti e imponendo la comodità come caratteristica principale dei suoi capi.

Dalla povertà alla fama assoluta: senza mezzi e amicizie nell'alta società, ma anzi con alle spalle una famiglia povera e un ambiente austero, Gabrielle Chanel si rimbocca le maniche e arriva a cambiare la storia della moda. A cinquant'anni dalla sua morte di lei resta una precisa idea di stile, rivoluzionaria per i tempi in cui è stata proposta e una grande convinzione nel potere delle donne, riversato ovviamente anche nello stravolgimento dei canoni riguardanti l'abbigliamento. Via i corsetti, via le piume dai cappelli e sì ai pantaloni e ai materiali umili: la moda, per Coco Chanel, andava di pari passo con una nuova idea di donna, libera e indipendente. Non a caso può essere considerata la prima donna moderna della storia: dinamica, autonoma e non necessariamente legata a un uomo per realizzarsi. La Maison da lei fondata nel 1909 è oggi uno dei marchi più famosi al mondo: non c'è donna che non sappia riconoscere l'iconica doppia lettera C incrociata e che non sogni dinanzi alle sue eleganti vetrine.

La donna che liberò le donne dai corsetti

Il fascino Chanel continua a fare presa su intere generazioni, che riconoscono quanto sia stato importante il contributo della stilista francese nel panorama della moda. La sua rivoluzione, però, non è stata solo stilistica. Con i suoi abiti ha portato avanti negli anni un ideale nuovo di femminilità, slegato dalle tendenze del momento: una donna libera da costrizioni, pari all'uomo, che lavora e che si rende indipendente. Non a caso, lei stessa è stata la prima imprenditrice della storia a credere nelle donne come forza lavoro, introducendone moltissime nella sua Maison. Prima mette sul mercato il tubino nero (la petite robe noire), per coloro che vogliono sentirsi a proprio agio ma eleganti. Poi libera le donne da corsetti e cappelli pesanti, disegnando abiti non ingombranti all'insegna della comodità. Infine rivisita l'abbigliamento maschile in chiave femminile, introducendo lo stile alla marinara e i pantaloni.

Immagine

Le icone Chanel per una donna indipendente pari all'uomo

Non solo abiti e accessori, ma anche profumi e gioielli: la Maison Chanel abbraccia l'universo femminile a tutto tondo. Anzi Mademoiselle Chanel, come amava essere chiamata, ha il vanto di essere stata la terza stilista in ordine di tempo, dopo Paul Poiret e Maurice Babani, a realizzare una linea di profumi legata a una linea di moda. E quel primo prodotto della casa di moda è ancora oggi il prodotto di punta. Si tratta di Chanel N°5, un successo mondiale che va avanti ancora oggi a distanza di un secolo: era il 1921. Cinque anni dopo è stata la volta di un capo di abbigliamento che oggi è considerato un vero e proprio must have nell'armadio di ogni donna: l'intramontabile tubino nero. Arrivò sul mercato, immesso appunto da Chanel, nel 1926. La petite robe noire fu una rivoluzione: elegante e comodo, era l'abitino che le donne potevano sfoggiare tutti i giorni e in qualunque occasione, sentendosi a proprio agio e risultando impeccabili.

Immagine

Ancora oggi è un'icona della Maison anche la borsa 2.55, realizzata la prima volta come suggerisce il nome nel febbraio di quell'anno. In linea di continuità con un'idea di donna dinamica e in movimento, Coco Chanel pensa a una borsa che tenga libere le mani, da portare a tracolla sulla spalla, non a mano come le tradizionali pochette. S'inventa dunque la borsetta matelassé (con impuntura a rombi), riproposta dal 1955 a oggi in molteplici varianti: ma anche cambiandone colore e materiali il suo successo non ne ha mai risentito. Coco Chanel è stata la prima a vestire la donna moderna, intuendo che la moda era molto di più dei soli concetti di bellezza, eleganza e stile. Ne comprende il legame con la società e l'influenza sul sentimento comune, dando con i suoi abiti un grande contributo in termini di emancipazione femminile e parità di genere, costruendo una donna nuova.

420 CONDIVISIONI
Chiara Ferragni vince la sfida con Sanremo: ha usato il suo corpo e gli abiti come simbolo di libertà
Chiara Ferragni vince la sfida con Sanremo: ha usato il suo corpo e gli abiti come simbolo di libertà
Coco Chanel, buon compleanno all'icona di stile che non passa mai di moda
Coco Chanel, buon compleanno all'icona di stile che non passa mai di moda
Cinquant'anni della legge sul divorzio: una battaglia delle donne per la libertà
Cinquant'anni della legge sul divorzio: una battaglia delle donne per la libertà
autopromo immagine
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni