Chanel continua a espandersi, rafforzando così la sua catena di produzione. Nelle ultime ore la Maison francese del lusso ha infatti annunciato di aver investito in Italia, acquistando una quota di maggioranza di una conceria toscana. Anche se non sono stati forniti i dettagli della transazione, è certo che i negoziati sono durati circa un anno. Ora il marchio è pronto ad aggiungere un tocco ancora più sofisticato e artigianale alle borse e ai capi in pelle delle prossime collezioni.

Chanel ha acquistato la Conceria Samanta

E' tempo di novità in casa Chanel, dopo la presentazione della prima collezione di Virginie Viard, la stilista che ha preso il posto a capo della Maison dopo la morte di Karl Lagerfeld, l'azienda del lusso ha investito in Italia. Ha infatti acquisto una quota di maggioranza dell'azienda pisana Conceria Samanta, che da anni gli fornisce le pelli stampate e goffrate che finiscono in passerella e nelle boutique. Considerando il fatto che quest'ultima è specializzata nella stampa a effetto rettile, la cosa potrebbe tornare utile per sostituire alcuni materiali dopo l'addio alle pelli esotiche che la Maison ha annunciato lo scorso anno. L'accordo arriva al termine di un anno di negoziazioni ma per il momento non sono stati forniti ulteriori dettagli. “In un mercato di lusso e in un'industria della pelle in rapida evoluzione, le due aziende hanno deciso di collaborare a stretto contatto, in modo che Samanta possa continuare a sviluppare la sua offerta unica, il cui valore è riconosciuto dai più grandi nomi del lusso", hanno dichiarato i portavoce della griffe francese. La Conceria Samanta continuerà a lavorare normalmente anche con tutti i suoi altri clienti e, allo stesso tempo, contribuirà all'innovazione di Chanel.