Ashley Graham è una delle modelle curvy più amate al mondo. Ha raggiunto il successo con lo spot per un marchio americano di costumi da bagno e da allora la sua celebrità non ha avuto più fine. Ha partecipato alla campagna “I’m not an angel” ed ha sempre cercato di far capire alle donne che tutte possono essere belle e sensuali anche con qualche chilo in più o con delle forme più abbondanti.

Oggi, ancora una volta si è schierata in prima linea per sostenere le oversize. Durante la conferenza dell'organizzazione no-profit Ted, Ashley ha conquistato il pubblico e il suo discorso è diventato ormai un manifesto sull’auto-accettazione. La ragazza ha infatti dichiarato:

Il mondo della moda continua a definirmi una modella plus-size ma io preferisco definirmi come una my- size. Nella mia Nebraska sono nota come la modella grassa. Il mio corpo, la mia natura sono stati manipolati e controllati da altri che non lo capiscono davvero. Dobbiamo lavorare insieme per ridefinire a livello globale l’immagine della bellezza e questo processo inizia nel diventare ognuno di noi il proprio modello.

Ashley ha inoltre affermato di amare la sua cellulite e di non provare alcun tipo di imbarazzo per il grasso che le sfugge dal reggiseno. Così facendo, la modella intende far capire a tutte quelle donne che si sentono “grasse” che non sono loro ad essere "sbagliate", ma sono i canoni di bellezza imposti dal mondo della moda a non adattarsi alle esigenze del corpo femminile. Ad Ashley il successo come modella non basta più, con i suoi numerosi interventi a sostegno delle curvy spera di portare una rivoluzione nel mondo della moda, ridefinendo i canoni di bellezza comunemente accettati dalla società odierna.