La birra ha molti benefici e proprietà curative e nutrizionali ottime per la nostra salute che non dobbiamo sottovalutare. Viene prodotta dalla fermentazione alcolica con ceppi di Saccharomyces cerevisiae o Saccharomyces carlsbergensis di mosti preparati con malto d'orzo, principalmente, o di frumento. Gli ingredienti tradizionali per ottenere la birra sono acqua, malto, luppolo e lievito, malto che, per legge, non deve essere inferiore al 60% e che, fino al 1998 poteva essere solo d'orzo mentre, la birra prodotta con altri cereali doveva essere dichiarata sull'etichetta. Grazie al DPR 272/98, decreto legislativo del 1998, è possibile produrre birre anche partendo da altri cereali. Solo le birre pure, di solo riso o di solo mais devono dichiarare sull'etichetta la loro fonte. Queste birre, dette anche "alternative" sono adatte a chi soffre di celiachia. La birra però non è soltanto una bevanda alcolica ma ha molte proprietà nutritive importanti tanto che nell'antichità veniva chiamata "pane liquido" perché considerata un vero e proprio alimento.

Proprietà benefiche e curative della birra

La birra ha tantissime proprietà ma l'assunzione si deve limitare a due o tre bicchieri di 25 cl al giorno. Se si eccede, invece, la birra può arrecare più danni che benefici.  È la birra cruda, detta anche birra artigianale, quella che ha notevoli proprietà benefiche e curative, ottime per il nostro organismo, grazie alla mancanza di fermentazione che ne mantiene intatte le proprietà organolettiche che fanno bene alla nostra salute.Vediamo allora come sfruttare al meglio le sue proprietà, scoprendo i benefici che un suo consumo moderato apporta al nostro organismo.

Fa bene al cuore: bere ogni giorno birra, con moderazione, aiuta a contrastare gli effetti negativi dell'omocisteina, un ormone che, se presente nell'organismo in eccesso, può provocare la comparsa di malattie cardiovascolari. Inoltre, aumenta la formazione di colesterolo buono (HDL) diminuendo quello cattivo (LDL), evitando così la formazione di trombi nel sangue.

Previene i tumori: secondo uno studio dell’Istituto Nazionale per la Ricerca sul Cancro di Genova, il luppolo contiene alcuni flavonoidi in grado di contrastare l'insorgenza di tumori, soprattutto carcinomi mammari, delle ovaie e del colon. Ciò grazie a un particolare flavonoide, lo xantumolo, contenuto in alte concentrazioni solo in quelle con alto contenuto di luppolo, quelle cioè più amare e con una schiuma più consistente.

Non fa ingrassare: la birra, tra le bevande alcoliche è sicuramente la meno calorica. Anche se dipende dal tipo ma comunque parliamo di circa 28 calorie per le birre più leggere e 60 calorie per quelle più forti. Una particolare attenzione va data alla birra a doppio malto che, rispetto a una normale birra con gradazione media di  4%, bisogna moltiplicare le calorie per due.

Aiuta la diuresi: l'alto contenuto di acqua, oltre a potassio e magnesio e il poco sodio, la birra aiuta la diuresi e il lavoro dei reni. Quindi, se assunta con moderazione, previene anche la formazione di calcoli renali.

Rinforza i capelli: sono in tanti ad usare la birra per rinforzare i capelli e per schiarirli. Preparate un lavaggio adeguato e sfruttate le sue capacità per rendere più forte la vostra chioma.

La ricerca: la birra combatte l'osteoporosi

I ricercatori dell’Università della California di Davies hanno scoperto che, all'interno della birra, è presente un particolare minerale in grado di proteggere le ossa dall'indebolimento e di prevenire l'osteoporosi: il silicio dietetico infatti è un elemento fondamentale per la formazione delle ossa. Oltre a stimolare la formazione di nuovo materiale osseo, rallenta anche il processo di erosione e decalcificazione prevenendo così la perdita di densità che causa il disturbo che colpisce tantissime donne durante la menopausa. Ma quale birra bere? I ricercatori e Charles Bamfoth, il coordinatore dello studio, hanno rivelato che la birra in grado di rilasciare i maggiori benefici sono quelle chiare: “Le materie prime utilizzate e il processo di produzione influenzano pesantemente la quantità di silicio che arriva fino al consumatore, il malto più chiaro e che ha subito meno stress da calore è, per esempio quello più ricco in silicio”.

Proprietà della birra analcolica

Chi vuole gustare i piaceri della birra, ma senza l'alcol, può optare per la birra analcolica, e le sue proprietà nutrizionali grazie alla presenza massiccia di minerali, vitamine, antiossidanti e proteine. L'alto contenuto di sodio la rende adatta a chi soffre di pressione alta, inoltre in fatto di non contenere alcol la rende una bevanda molto idratante, consigliata anche nella dieta di donne in gravidanza e di persone anziane. L'alto contenuto di fibre aiuta, inoltre, a combattere la stitichezza. Ovviamente è sempre bene consultare il medico prima di assumere anche questo tipo di birra, soprattutto se si soffre di determinate patologie come ulcere, calcoli renali, diabete, colesterolo etc…

Valori nutrizionali

Birra – Quantità per 100 grammi – Calorie 43
Grassi 0 g
Acidi grassi saturi 0 g
Acidi grassi polinsaturi 0 g
Acidi grassi monoinsaturi 0 g
Colesterolo 0 mg
Sodio 4 mg
Potassio 27 mg
Carboidrati 3,6 g
Fibra alimentare 0 g
Zucchero 0 g
Proteina 0,5 g
Vitamina A 0 IU – Vitamina C 0 mg
Calcio 4 mg – Ferro 0 mg
Vitamina D 0 IU – Vitamina B6 0 mg
Vitamina B12 0 µg – Magnesio 6 mg

Quali sono le controindicazioni della birra?

Alcuni lieviti contenuti nella birra possono creare infiammazioni alla prostata, è quindi sconsigliato il consumo a chi sa già di avere problemi alla prostata. Per il resto nei soggetti sani, il consumo moderato di birra, non ha controindicazioni. L'abuso di birra, invece, aumenta il rischio di tumore allo stomaco, all'esofago, al colon, ai polmoni, al fegato e al pancreas, oltre ad avere effetti negativi sul sistema nervoso favorendo la comparsa di malattie come il Parkinson e l'Alzheimer. Inoltre, bere molta birra, fa ingrassare e può causare problemi al fegato.