Il 23 luglio del 2011 moriva a 27 anni Amy Winehouse nella sua casa di Camden Town, a Londra, dopo aver ingerito una quantità eccessiva di alcol che è stata letale per il suo corpo debilitato. Anche se sono passati 5 anni da quel triste momento, ancora oggi la cantante viene considerata una leggenda sia nel mondo della musica che in quello della moda. Il suo stile unico e sopra le righe l'ha resa un personaggio iconico, una vera e propria fonte di ispirazione per il fashion system.

I successi di Amy Winehouse

Amy Winehouse è nata in Inghilterra da una famiglia ebraica, si è avvicinata alla musica fin dai 10 anni, quando ha fondato il primo gruppo rap, per poi rivelare il suo spirito ribelle poco dopo, facendosi espellere da scuola per un piercing al naso. Ha debuttato nel 2003 sui palcoscenici britannici ma è stato con l’album “Back To Black” che ha raggiunto il successo mondiale. E’ stato forse dopo aver vinto ben 5 Grammy Awards che è cominciato il suo declino. Amy non voleva essere una star, voleva solo cantare e non è riuscita a reggere la pressione a cui la sottoponeva lo star system, interessato solo a farle produrre hit di successo con regolarità. L’alcol e le droghe la aiutavano ad affrontare tutto ma purtroppo l’hanno condotta ad una fine impietosa. Nonostante ciò, Amy Winehouse si è distinta per la sua estrema sensibilità artistica e umana, entrando di diritto tra i personaggi più iconici del mondo della musica.

Amy Winehouse, un'icona di stile intramontabile

Amy Winehouse non solo è stata una delle voci più belle al mondo, tanto da essere paragonata a Ella Fitzgerald e Billie Holliday, ma ha saputo imporsi anche come una vera e propria icona di stile. Gli abiti anni Cinquanta, la lingerie a vista, le cinture a vita alta e l’eye-liner spesso sono solo alcune delle cose che riportano immediatamente alla mente il suo personaggio. Amy amava distinguersi per originalità, non si è mai affidata a degli stilisti ma ha sempre scelto da sola i look sfoggiati sul palco, che venivano personalizzati e resi unici dalla sua creatività.

Con le gonne ampie, le scollature a cuore, i décolleté spuntanti, i cerchi colorati, gli accessori appariscenti, si è trasformata in una vera e propria pin-up moderna e rock. Non di rado, ha sfoggiato degli outfit casual caratterizzati da minigonne, shots, ballerine, a cui non dimenticava mai di aggiungere un tocco unico e personale. La cosa a cui non riusciva proprio a rinunciare è l’iconica acconciatura cotonata che le donava almeno 15 cm di altezza e che decorava con foulard, fermagli gioiello e rose fresche. Anche se la pettinatura è stata creata da Margaret Vinci Heldt of Elmhurst negli anni Sessanta, è stata lei a farla tornare di moda, tanto che ormai viene definita “cofana alla Amy Winehouse”. Anche per quanto riguarda il make-up ha sempre preferito fare tutto con le sue mani, senza ricorrere a dei truccatori professionisti. Il risultato era una riga spessa di eye-liner che terminava con una virgola rivolta verso l’alto, a cui aggiungeva solo un po’ di matita e mascara.

Il suo stile è così iconico che ha influenzato anche il fashion system, Jean Paul Gaultier le ha dedicato un'intera collezione e Vogue Italia una copertina. Amy Winehouse è scomparsa 5 anni fa ma la sua voce e i suoi look l’hanno resa immortale, una vera e propria icona di stile intramontabile. E' proprio per questo che il mondo della moda la ricorderà sempre come una grandissima fonte di ispirazione.