A partire dal primo gennaio 2018, i sacchetti biodegradabili utilizzati per imbustare i prodotti sfusi e a peso come frutta, verdura, salumi e pane, sono diventati a pagamento in tutti i supermercati. Il loro prezzo va da 1 a 3 centesimi ma, nonostante si tratti di una cifra irrisoria, ha scatenato innumerevoli polemiche. La legge è stata approvata lo scorso agosto e punta a ridurre i rifiuti in plastica, considerati altamente inquinanti, e a promuovere l'industria italiana, leader nella produzione di plastica biodegradabile. Gli utenti dei social non si sono lasciati sfuggire questa news e nelle ultime ore hanno dato vita a innumerevoli immagini e meme che la commentano in modo ironico.

Perché il provvedimento ha scatenato così tante polemiche?

I sacchetti di plastica biodegradabili per la frutta e la verdura costano solo pochissimi centesimi ma praticamente nessuno vuole pagarli, tanto che il provvedimento messo in atto dal governo ha scatenato enorme indignazione nel nostro paese. Non è stato stabilito un costo fisso per ogni sacchetto, si va da un minimo di un centesimo, fino ad arrivare a 5-7 centesimi ma la cosa che quasi nessuno sa è che neppure prima del 2018 erano gratuiti. L'imballaggio, infatti, è stato sempre incluso nel prodotto acquistato, anche quando non veniva chiaramente specificato. E' proprio per questo che frutta e verdura confezionate hanno avuto sempre un prezzo più elevato rispetto ai prodotti sfusi. Il panico generato dal provvedimento entrato in vigore dal primo gennaio non ha lasciato indifferenti gli utenti del web, che si sono divertiti a commentare con ironia l'ondata di indignazione generale che ha travolto i social nelle ultime ore.

I meme più divertenti del web

Sul web se ne vedono davvero di tutti i colori ma, quando ci si trova di fronti a notizie che fanno così tanto scalpore, gli utenti riescono a dare il meglio di loro. Sono moltissimi quelli che hanno commentato la storia dei sacchetti per la frutta a pagamento con dei commenti creativi e ironici, dando vita a dei meme super divertenti. Immagini di arance etichettate con la didascalia "Ora farà lo stesso con le lenticchie", calciatori famosi con le discusse bustine tra le mani, foto che mettono a confronto il prezzo di un iPhone X con quello dei sacchetti, sono solo alcuni dei post più esilaranti che si trovano sul web. Il più divertente in assoluto? Quello che ritrae il principino George con al fianco la scritta: "Ve li compro io i sacchetti per fare la spesa, poveri", che fa riferimento alla sua presunta abitudine di disprezzare tutti coloro che non vantano un titolo nobiliare. Insomma,