Dal 1901 a oggi non si contano molte donne nell'albo dei vincitori del Premio Nobel per la Letteratura e ancora meno sono le italiane. Anzi, in realtà spicca il nome di una sola scrittrice, Grazia Deledda: era il lontano 1926. Il vincitore o la vincitrice di questa edizione lo conosceremo il prossimo 8 ottobre, ma la premiazione ufficiale si svolgerà a dicembre. Anche solo rientrare tra i candidati al prestigioso riconoscimento è certamente un grande onore e lo sa bene la siciliana Giovanna Giordano. Sui social in tanti ammettono di non conoscerla, eppure è stata segnatala da un'importante università svedese alla Commissione che assegna i Premi Nobel.

Chi è Giovanna Giordano

Nata a Milano nel 1961 da genitori siciliani, è appunto sull'isola che vive Giovanna Giordano, tra Messina (dove ha studiato) e Catania. E proprio la Sicilia è parte fondamentale della sua vita nonché elemento onnipresente nella sua scrittura. Non è nuova ai riconoscimenti che premiano la sua attività, ma il Nobel sarebbe certamente il raggiungimento della vetta più alta. Giovanna Giordano in passato si è già aggiudicata il Premio internazionale di giornalismo Media Award André Gide e per due volte il Premio Racalmare Sciascia. Ha pubblicato tre romanzi: Trentaseimila giorni nel 1996, Un volo magico nel 1998 e Il mistero di Lithian uscito nel 2004, tutti editi da Marsilio. Le sue opere e la sua statura di scrittrice al momento sono sottoposte all'attenzione della Commissione Nobel dell'Accademia, che le dovrà valutare. Nella descrizione che fornisce di lei la sua casa editrice si legge: «Ama viaggiare nel mondo e pure nella sua stanza. Ringrazia luna, mare e Gerusalemme perché esistono. Vede – malgrado tutto – il lato bello dell’umanità».

I libri di Giovanna Giordano

Trentaseimila giorni, romanzo di esordio di Giovanna Giordano, racconta il viaggio dalla Sicilia agli Stati Uniti di un ragazzino 17enne di cui non sappiamo nemmeno il nome, ma solo l'iniziale: M. Il suo sarà molto di più di uno spostamento fisico, perché in quell'avventura da una parte all'altra del mondo lunga 36.000 giorni avrà occasione di imparare lezioni importanti sulla vita e sul mondo che lo circonda che, per quanto pieno di calamità e tragedie, è comunque un luogo meraviglioso. L'elemento del viaggio torna prepotente nel libro successivo, Un volo magico, che è stato anche pubblicato in tedesco dalla casa editrice Lübbe. È la storia ambientata negli anni Trenta della missione segreta dell'aviatore Giulio Giamò, impegnato in un'avventura in cui lo accompagnano altri personaggi (compreso un pappagallo parlante). Etiopia, Eritrea, Kenya: qui si ferma il suo volo, quando viene fatto prigioniero dagli inglesi. Si rifanno avanti nel terzo e ultimo libro pubblicato da Giovanna Giordano intitolato Lithian sia il tema a lei caro del viaggio che il suo luogo del cuore, la Sicilia. Il Mediterraneo fa da sfondo alla storia d'amore di Samuel e al suo coraggioso viaggio dalla Sicilia a Israele, per raggiungere Gerusalemme. Attualmente la scrittrice è al lavoro su una storia ambientata negli anni Venti che vede ancora protagonista la Sicilia, precisamente la città di Messina.