Ernestine Shepherd, Instagram @shepherdernestine
in foto: Ernestine Shepherd, Instagram @shepherdernestine

Ernestine Shepherd non vive affatto male il rapporto col tempo che passa e sicuramente non risponderebbe offesa e stizzita, se qualcuno le domandasse la sua età, perché non avrebbe nulla da nascondere. Difatti sul suo account Instagram la prima cosa che si legge è proprio questa: 84 anni. La donna si descrive come una bodybuilder e scorrendo le sue foto si resta stupiti guardando il suo corpo muscoloso fasciato in bikini oppure shorts e top sportivi. Si tiene allenata attraverso una costante attività fisica, che fa parte della sua vita da ormai trent'anni. La sua avventura col bodybuilding è iniziata per caso, in un momento della sua vita dove probabilmente neppure lei pensava che ne avrebbe potuto fare una carriera. E invece così è stato, battendo ogni record.

L'età? Solo un numero

Energia da vendere, muscoli da fare invidia a una 25enne, tanta voglia di vivere e nessuna intenzione di arrendersi al ‘è troppo tardi'. L'età per Ernestine Shepherd non è un impedimento e con i suoi 84 anni continua con passione ad allenarsi. La sua tempra è decisamente fuori dal comune ed è la dimostrazione che la forza di volontà è un motore importante: lei non l’ha mai persa. Contrariamente a quanto si potrebbe pensare guardando il suo fisico, i risultati che vanta oggi non sono il frutto di un’intera vita passata nelle palestre. Il mondo del fitness lo ha scoperto quando aveva già 56 anni. Nemmeno in quel caso ha voluto cedere a quanti la ritenevano già troppo in là con gli anni per mettersi in gioco e migliorare se stessa. Inizialmente era solo un modo per ritrovare la forma e affrontare serenamente la prova costume: non si sentiva più bene nel suo corpo. Poi sua sorella l’ha spronata a provare col sollevamento pesi e da quel momento in poi non si è più fermata, neppure quando la donna è venuta a mancare.

Ernestine Shepherd, Instagram @shepherdernestine
in foto: Ernestine Shepherd, Instagram @shepherdernestine

Anzi, lo sport è stato la chiave per superare il lutto e il dolore: Ernestine ha deciso che per onorare la memoria di sua sorella avrebbe continuato a lavorare, a mantenersi in salute, a rispettare il proprio corpo e a prendersene cura. "All’inizio ero solo arrabbiata per la sua morte. Ma mi sono rimessa in sesto e ho detto a me stessa che avrei continuato ad allenarmi 3 giorni alla settimana” ha detto. E così ha fatto, senza mai mollare, neppure durante la pandemia: ha continuato sia col sollevamento pesi che con la corsa di 5 km al giorno. Chiaramente il tutto è accompagnato da un'alimentazione sana ed equilibrata, dove il cibo spazzatura è del tutto abolito. Con qualche rinuncia (eccessi di sale e zucchero in primis), ci ha guadagnato in termini di salute e di ritrovata giovinezza: "Un tempo soffrivo di pressione alta, attacchi di panico, reflusso acido. Dopo aver iniziato ad allenarmi è cambiato tutto per me. Niente più medicine per la pressione alta. Niente più attacchi di panico. Niente più reflusso. L'esercizio fisico non è un lavoro: è sia una cura che una gioia".

Ernestine Shepherd, Instagram @shepherdernestine
in foto: Ernestine Shepherd, Instagram @shepherdernestine

Una nonna da record

Col suo allenatore, l'ex Mr.Universo Yohnnie Shambourger, Ernestine si è preparata anche per partecipare alla sua prima competizione di bodybuilding, con successo. Quella vittoria le è valsa il Guinness World Record: nel 2010 è diventata la più anziana bodybuilder agonistica femminile del mondo, titolo che ha conservato fino a oggi. Non a caso in America è famosa come 6-pack granny, ‘la nonna con gli addominali'. La sua storia, per quanto eccezionale, è l'esempio di quanto non sia mai troppo tardi e di quanta forza di volontà ci sia dentro ognuno di noi, a volte senza neppure saperlo. Prendersi cura di sé, amare il proprio corpo, vivere ogni giorno al massimo: è questo che Ernestine vuole dire alle persone ed è anche il messaggio di fondo del suo libro. Il segreto dell'eterna giovinezza non è un elisir o una pozione magica, ma sono le 3D: determinazione, disciplina, dedizione.