Secondo alcuni studi presentati durante il Simposio sui tumori del Seno, tenutosi oggi a San Antonio in Texas, molte donne colpite da tumore al seno potrebbero evitare terapie invasive come l'asportazione dei seni. Secondo quanto affermato da diversi esperti, tra cui Kent Osborne, esperto del Baylor college of medicine, in molti casi è possibile attuare cure specifiche in modo da evitare trattementi aggressivi non necessari. Addirittura due studi affermano che non sia necessario asportare il seno anche se il tumore si è diffuso colpendo altri organi, bastano le cure standard come la chemioterapia e la rimozione del tumore originario.

Questi studi hanno analizzato i casi di 350 donne con tumore diffuso e, a 4 anni di distanza dal presentarsi della malattia, il 40% delle donne, sia quelle sottoposte a chemio che quelle a cui era stato asportato il seno, erano ancora vive. Questa ricerca è stata condotta da Rajendra Badwe, direttore del Tata Memorial Hospital di Mumbai, in India. Una seconda ricerca portata avanti da Atilla Soran, dell'Università di Pittsburgh, su un gruppo composto da 300 donne residenti in Turchia ha evidenziato risultati analoghi alla precedente.