La tapioca (Manihot esculenta) è una farina che si ricava dai tuberi di una pianta tropicale, la manioca amara, un tubero chiamato anche cassava o yuca. Viene spesso utilizzata nel latte, per renderlo più digeribile, soprattutto nella preparazione delle prime pappe per bambini durante lo svezzamento, rivelandosi così un ottimo alimento per i più piccoli ma anche per i convalescenti, anche grazie alle sue proprietà energetiche. Conosciuta anche come farina di manioca, farina di tapioca o amido di tapioca, è utile per chi soffre di colite e colon irritabile, perché è molto delicata e non provoca irritazioni al tratto gastro-intestinale in quanto priva di glutine, e quindi ottima anche per chi soffre di celiachia. È ricca di carboidrati ma contiene pochissime proteine e vitamine e poche fibre. Per questo motivo non può essere un alimento esclusivo ma deve essere sempre abbinato a cibi che contengano proteine, vitamine e grassi. Inoltre è un alimento ipercalorico, contiene circa 350 calorie per 100 grammi di prodotto.

La fecola di tapioca si ricava dalla Cassava, questo tubero dalla scorza dura che contiene al suo interno una polpa bianca, dalla quale si ricavano sia la farina che le perle di tapioca da utilizzare in cucina per diverse preparazioni. Il tubero viene essiccato fino ad ottenere una farina grezza composta da granelli irregolari che somigliano a piccole perle bianche: la tapioca, appunto. Ma vediamo quali sono i benefici di questa fecola e come consumarla.

Proprietà e benefici della tapioca

La tapioca è priva di glutine, ma è ricca di carboidrati semplici, vitamine e minerali, può essere quindi un ottimo sostituto di farine e cereali soprattutto nei casi di intolleranza al glutine, celiachia, colon irritabile, colite, diabete e problemi di insulino resistenza, in quanto privo di zuccheri raffinati. Tra le vitamine troviamo le vitamine del gruppo B, in particolare B2, B5 e B6, vitamine fondamentali per il buon funzionamento del sistema nervoso e del fegato. Tra i sali minerali la tapioca contiene ferro, zinco, calcio, magnesio, potassio e manganese, oltre ad una piccola percentuale di saponine che alleviano le infiammazioni, aiutano ad eliminare l'acido urico e riequilibriano la flora intestinale.

Aiuta l'intestino ed è un toccasana contro la colite: la tapioca è un alimento leggero che contiene poche scorie, aiuta la digestione ed è un toccasana per l'apparato digerente, per questo viene utilizzato anche come alimento per i bambini. La tapioca cotta nel latte lo rende più digeribile: durante la cottura i granuli della fecola si gonfiano e disperdono lattosio e caseina, favorendone la digestione. Grazie alla sua digeribilità la tapioca si rivela un alimento ottimo in caso di colite: contiene pochissime cellulose, una sostanza vegetale che non si disperde nello stomaco, e ciò rende rapida la sua assimilazione senza lasciare residui. La tapioca contiene inoltre amido resistente, elemento importante per la salute dell'intestino. Si tratta di un amido che non viene assorbito completamente ma arriva fino al colon sotto forma di fibra, funzionando anche come potente potente antinfiammatorio. Per questo la tapioca è utile in tutte le malattie del tratto digerente, compresa la colite e il colon irritabile.

Dona energia: la tapioca è anche una farina multienergetica adatta ai bambini, agli sportivi ma anche a chi deve riprendersi dopo un periodo di malattia, viene infatti consigliata dopo la convalescenza perché aiuta a rimettersi in forze. Tutto ciò grazie ai carboidrati semplici di cui è ricca e che assicurano un alto livello di energia che vi permetterà di affrontare la giornata senza cali di zuccheri.

Grande potere calorico e utile in caso di difficoltà digestive: la tapioca contiene molte calorie, circa 360 per 100 grammi di prodotto. Dal punto di vista nutrizionale però è carente di vitamine, proteine e sali minerali, mentre è composta quasi esclusivamente di carboidrati, che gli conferiscono la sua digeribilità. Per questo la tapioca non può essere un alimento unico ma deve essere abbinato a cibi che contengano vitamine, proteine, grassi e sali minerali, per compensare gli elementi di cui è carente. La tapioca cotta nel latte, è un alimento consigliato soprattutto per bambini e lattanti con difficoltà digestive, e in quelle persone che necessitano di una superalimentazione e, quindi, di assimilare facilmente le sostanze nutritive.

Adatta ai celiaci: la tapioca è un alimento naturalmente privo di glutine adatto a chi soffre di celiachia e che può essere utilizzata al posto delle normali farine con glutine. Bisogna però sempre fare attenzione durante l'acquisto, in quanto bisogna prima accertarsi che durante la produzione la tapioca non sia venuta a contatto anche con farine che contengono glutine, come ad esempio quella di frumento. Sulla confezione deve esserci il simbolo della spiga sbarrata o la dicitura "senza glutine" (o gluten free).

Aiuta a perdere peso: la tapioca aiuta a dimagrire perché favorisce il senso di sazietà, grazie al basso indice glicemico (IG) e riduce il deposito dei grassi nelle cellule, aiutando a tenere sotto controllo anche trigliceridi e i lipidi nel sangue.

Migliora la circolazione e regola la pressione sanguigna: la tapioca è un'ottima fonte di potassio che è un potente vasodilatatore, aiuta quindi a ridurrre lo stress dei vasi sanguigni prevenendo ictus e attacchi di cuore in quanto abbassa il rischio di aterosclerosi e di coaguli di sangue. Inoltre contiene ferro che, oltre ad essere utile in caso di anemia, garantisce anche un migliore afflusso di sangue e ossigeno alle cellule, grazie alla maggiore produzione di globuli rossi a tutti gli organi.

Ottima contro la sindrome metabolica e le malattie autoimmuni: la tapioca ha un indice glicemico basso, quindi non crea picchi di insulina e glicemia, per questo è un alimento che può essere consumato al posto delle farine raffinate. Mangiare cibi come la tapioca, che contengono amidi resistenti, aiuta a diminuire la glicemia, abbassando il livello di glucosio nel sangue, il colesterolo cattivo e i trigliceridi, migliorando la sensibilità all'insulina. Inoltre, l'amido-resistente della tapioca, aiuta a guarire dall'infiammazione cronica presente nelle malattie autoimmuni.

Previene l'osteoporosi e mantiene in salute il cervello: la tapioca contiene anche vitamina K, oltre a ferro e calcio, elementi importanti per lo sviluppo delle ossa, che proteggono dal rischio di osteoporosi, artrosi e fragilità ossea. Oltre a rafforzare le ossa, la tapioca è importante per la salute neurologica: la vitamina K, infatti, riduce il rischio di ammalarsi di Alzheimer in quanto stimola l'attività neuronale del cervello, e contrasta l'azione dannosa dei radicali liberi.

Come mangiare e usare la tapioca

La tapioca si mangia principalmente come pappa sciogliendone una piccola quantità in acqua calda, nel latte o nel brodino: quando le palline di tapioca vengono a contatto con un liquido, si sciolgono andando a formare un composto gelatinoso dal sapore dolciastro. Preparata in questo modo viene usata principalmente per la preparazione di pappe per bambini ed è consigliata anche nei periodi di convalescenza come ricarica di energia.

Il sapore neutro della tapioca si adatta a molte preparazioni: nei paesi tropicali la utilizzano anche per la preparazione del pane. Inoltre può essere cucinata in padella per la realizzazione di una sorta di crepes: bisogna prima mettere in ammollo la tapioca per due ore, scolare l'acqua e metterla su un panno, lasciandola seccare per altre due ore. Una volta priva di acqua si mette in una padella antiaderente a fuoco lento per circa tre minuti. La tapioca può essere accompagnata anche da altri alimenti, soprattutto uova, latte e formaggi, inoltre è un ottimo addensante per brodi, minestre e vellutate di verdure. Può essere utilizzata anche nelle ricette come ingrediente sostitutivo al posto di fecola di patate o amido di mais per preparare pasta fresca, pane e focacce, e può essere utilizzate come legante e inserita nell'impasto dei dolci al posto delle uova: un cucchiaio di tapioca per ogni uovo. Inoltre possiamo realizzare anche un gustoso budino di tapioca ottimo come spuntino o dessert. La tapioca può essere utilizzata anche come ingrediente di bellezza: potrete infatti realizzare una maschera idratante mescolando la farina di tapioca con l'acqua. Applicatela sul viso per 15 minuti, sciacquate e applicate la crema abituale.

Controindicazioni

La farina di tapioca non ha particolari controindicazioni. Chi ha il diabete deve però tenere conto che l'indice glicemico della tapioca è 85 ma che il contenuto puro del glucide è molto basso, solo il 5%: in questi casi, quindi, è consigliabile consulatare il medico, prima di consumare questa fecola. Il consumo di tapioca anche a chi è sovrappeso, obeso o segue una dieta ipocalorica: in questi casi bisogna fare attenzione alle quantità, da valutare con il nutrizionista, in quanto la tapioca ha un elevato apporto energetico e calorico.