Le spazzole sono tra gli oggetti più utilizzati dalle donne, hanno però forme e utilizzi diversi, così come i pettini, e non sempre è facile capire quale sia la più adatta alla nostra capigliautura o quale utilizzare per ottenere un determinato styling. Esistono infatti diversi tipi di spazzole: ovali, piatte, a rullo, in materiali termici o in legno, con setole naturali o in nylon e ognuna ha sui capelli un effetto diverso: aiutano a stirare i capelli, a districarli, a creare le onde, a lucidare i fusti o a volumizzare le radici, per questo è importante imparare a riconoscerle per avere una piega perfetta.

Una spazzola adatta ad ogni uso: scopri quella giusta per te.

Così come esistono diverse tipologie di capelli: ricci, lisci, mossi, fini ecc…, esistono anche diverse tipologie di spazzole o pettini. Saperle riconoscere è fondamentale per non commettere errori che potrebbero rovinare il nostro hairstyle, e avere così un'acconciatura sempre perfetta. Utilizzare la spazzola sbagliata, ad esempio, potrebbe aumentare l'effetto crespo oppure, se non utilizziamo una spazzola adatta a districare i capelli,  potremmo spezzarli. Saper riconoscere questo indispensabile strumento per la messa in piega è quindi indispensabile per ottenere il risultato desiderato senza sbagliare. Ecco le principali tipologie e a cosa servono.

Spazzola tonda o a rullo per creare le onde.

Se desiderate creare onde o boccoli ai vostri capelli, la spazzola tonda o a rullo è quella che fa per voi. Potete scegliere tra quelle termiche oppure in legno: queste ultime sono ottime per scongiurare l'effetto crespo, in quanto non elettrizzano i capelli. Utilizzata nel modo giusto è l'ideale anche per lisciare i capelli mossi o medio-ricci, in questi casi è importante scegliere il tipo giusto: le spazzole tonde larghe donando il giusto volume alla capigliatura, vi basterà utilizzarle asciugando i capelli nel verso opposto, cioè dal sotto alle punte, tirando verso l'alto le ciocche, se invece volete scegliere una tipologia di spazzola tonda più delicata, optate per quella in legno con le setole fitte. Le spazzole tonde strette o a clessidra sono indicate per chi ha i capelli corti o medio corti e per chi ha i boccoli o la frangetta, utilizzandola proprio come se fosse un bigodino: preferite quelle con le setole in plastica e il resto in ceramica da utilizzare sui capelli quasi asciutti.

Spazzole piatte per eliminare il crespo o avere i capelli super lisci.

Le spazzole piatte sono di solito in plastica o in ceramica e sono l'ideale per pettinare i capelli lisci aiutando anche durante l'asciugatura per ottenere capelli lisci e setosi. Anche in questo caso ne esistono diverse misure, ognuna con la sua funzione. la spazzola sottile serve per cotonare i capelli pettinando le radici contropelo, di solito ha setole in nylon o miste ed è l'ideale per chi ha i capelli scalati  e vuole creare volume. Le spazzola stretta serve per evitare l'effetto crespo, spazzolate la chioma ancora umida lentamente e utilizzatela con il phon tenendola ben salda sui capelli. La spazzola larga e piatta invece è l'ideale per pettinare i capelli lisci e lunghi senza spezzarli.

Spazzola di legno a denti larghi per capelli ricci e per sciogliere i nodi.

La spazzola di legno a denti larghi è indicata per pettinare i capelli ricci, soprattutto quando c'è bisogno di districarli prima dell'asciugatura, e si può utilizzare sia sui capelli bagnati che asciutti. Inoltre è consigliata anche per i capelli delicati dei più piccoli in quanto non li spezza ed aiuta a sciogliere i nodi dei capelli lisci e lunghi. Una spazzola che non può mancare tra i nostri strumenti per la cura dei capelli, soprattutto quando abbiamo in casa dei bambini e per chi ha una capigliatura riccia.

Spazzola ovale per districare e donare brillantezza alla chioma.

La spazzola ovale è quella più conosciuta e utilizzata anche se, come negli altri casi, non è adatta a tutti i tipi di capelli e per tutte le acconciature. Quella con le setole in plastica e il pallino finale aiuta a districare i capelli lisci e mossi senza irritare il cuoio capelluto e donando brillantezza alla chioma. Bisogna però spazzolare piano, per evitare di elettrizzare i capelli, e non utilizzarla sui capelli bagnati. Una della più famose è realizzata da un noto marchio inglese la Mason Pearson, una spazzola realizzata a mano in diverse forme e con setole di diversi materiali, tutti capaci di affettuare sul cuoio capelluto un benefico massaggio. Le setole in nylon sono adatte a capelli lunghi e grossi e per realizzare hairstyling perfetti, quelle con le setole naturali sono consigliate invece ha chi ha i capelli fini  lunghi con cuoio capelluto sensibile, in pasticolare ne esiste una versione classica, di quelle che utilizzavano le nostre nonne, con setole di cinghiale ideale per capelli sottili e spenti in quanto è in grado di distribuire il sebo su tutta la capigliatura creando un effetto lucido.

Pettine per distribuire il conditioner e non solo.

E il pettine? Soprattutto se avete i capelli lunghi e utilizzate il balsamo, non avete bisogno di una spazzola, meglio il pettine in plastica e a denti larghi per pettinare i capelli bagnati e distribuire il conditioner in odo uniforme e senza spezzare i capelli. Ideale anche per per i capelli ricci e mossi perché mantiene la forma del capello. Il pettine a denti stretti serve invece a dividere la chioma in parti uguali per realizzare una pettinatura o per fare la riga dritta, utilizzando la codina posteriore. Il pettine odulato ha invece una base piatta e i denti non lineari ed è l'ideale per asciugare i capelli in modo veloce donando volume e un effetto mosso naturale: non utilizzatelo per sciogliere i nodi ma solo per l'asciugatura.