Chi non conosce le scarpe Christian Louboutin, quelle dall'iconica suola rossa, diventata ormai un vero e proprio marchio di fabbrica? Nonostante si tratti di un dettaglio che da anni identifica le calzature della Maison, la questione è finita in tribunale poiché un'azienda olandese aveva accusato il brand francese di aver rubato l'idea. Oggi la battaglia legale è arrivata al termine e ha dato ragione al famoso stilista, che può tornare a concentrarsi sul suo lavoro con serenità.

Christian Louboutin vince la battaglia legale

Sono anni che le suole rosse delle scarpe Louboutin finiscono in tribunale. Nel 2011 a fare causa alla Maison era stato Saint Laurent, che aveva prodotto delle calzature con tacco e suola rossa. La Corte d'Appello di New York, però, sentenziò che si trattava di un marchio registrato da Louboutin, eccetto nei casi in cui tutta la scarpa è rossa. Successivamente anche l'azienda olandese Van Haren ha denunciato il brand per avergli rubato l'idea, visto che nel 2012 aveva lanciato sul mercato la collezione "5° Avenue", una linea di calzature con quello stesso dettaglio rosso.  Dopo una lunga battaglia legale, lo scorso giugno la Corte ha confermato il diritto di esclusività di Louboutin di utilizzare la suola rossa. Solo oggi però è arrivata la sentenza del Tribunale dell'Aja, che ha ordinato il blocco delle vendita della linea "5° Avenue", la distruzione di tutte le scarpe già esistenti e il pagamento dei danni. Lo stilista Christian Louboutin ha accolto con estrema soddisfazione questa ennesima sentenza, che rende il suo brand ancora più iconico.