21 Giugno 2016
13:42

Sharbanoo Sadat, la giovane regista afghana contro gli stereotipi

Shahrbanoo Sadat è una giovane regista afghana di 26 anni che, affrontando mille difficoltà e pregiudizi, ha deciso di mostrare i lati nascosti del suo paese e di combattere gli stereotipi.

Shahrbanoo Sadat di professione fa la regista e ha presentato il suo nuovo ultimo film, Wolf and Sheep, allo scorso Festival di Cannes. Ha 26 anni e un'origine che racconta molto sulla sua personalità e sul suo lavoro: Shahrbanoo viene dall'Afghanistan.

Shahrbanoo Sadat
Shahrbanoo Sadat

Nel suo film è proprio della sua vita che vuole parlare, del mondo in cui vede il suo paese. Da Teheran, dove si era rifugiata con la sua famiglia, è stata costretta a trasferirsi in un piccolo villaggio nel centro dell'Afghanistan dopo l'11 settembre, in cui ha vissuto una realtà che sul grande schermo non riesce a vedere. In molte occasioni ha sottolineato di odiare l'idea che il cinema generalmente ne esprime, e poco cambia se a farlo siano registi stranieri o suoi compaesani. Guerra, terrorismo, diritti negati. Sembra che nessuno riesca a vedere altro, mentre lei ha fatto una scelta diversa, vuole raccontare le tante storie che compongono un contesto tanto complesso, una società fatta di contraddizioni e sorprese, di piccole cose destinate a finire risucchiate nella visione stereotipata dominante.

Una scena del film "Wolf and Sheep"
Una scena del film "Wolf and Sheep"

In Wolf and Sheep c'è solo un paesino perso tra i monti afghani e ragazzini che portano le pecore al pascolo. Tra i maschi che imparano a difendere il gregge dai lupi e le femmine che passano la giornata a chiacchierare, la distanza è e deve essere massima. A rompere il tabù Qodrat e Sediqa, entrambi emarginati dai pregiudizi del villaggio, che trovano il coraggio di avvicinarsi. Una storia che mostra un paese inedito, una realtà drammatica e genuina, senza bombe, senza terrorismo.

Pur non tacendo le tante difficoltà incontrate, il tormento di dover girare le riprese con il burqa, i problemi nel costruirsi la sua credibilità, il disappunto dei suoi stessi genitori, ha scelto di andare avanti e di battersi per una visione diversa. Per lei, unica regista donna, raccontare la verità, dare voce a quei capitoli della storia che non ne hanno, è una vera missione.

Parità di genere e lavoro, Lia Quartapelle: "Nella carriera le donne sono penalizzate da stereotipi"
Parità di genere e lavoro, Lia Quartapelle: "Nella carriera le donne sono penalizzate da stereotipi"
Khalida Popal, la lotta di una donna afghana ha la forma di un pallone da calcio
Khalida Popal, la lotta di una donna afghana ha la forma di un pallone da calcio
Armine, la modella Gucci vittima di body shaming: la moda è pronta per dire addio agli stereotipi?
Armine, la modella Gucci vittima di body shaming: la moda è pronta per dire addio agli stereotipi?
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni