La nazionale italiana di calcio femminile sembra non avere rivali, sta partecipando al campionato del mondo in Francia e, dopo aver trionfato alla prima partita contro l'Australia, ora dovrà affrontare Giamaica e Brasile il 14 e il 18 giugno. L'obiettivo? Arrivare alla finale del prossimo 7 luglio. A guidare la talentuosa squadra è Sara Gama, la "capitana" dalla pelle scura e i capelli afro dall'accento triestino che sta incantando tutti con la sua forza. Ecco tutto quello che c'è da sapere sulla campionessa

I successi di Sara Gama

Sara Gama è nata a Trieste nel 1989 da padre congolese e madre triestina, si è diplomata al liceo scientifico e nel 2017 ha conseguito la laurea in lingue e letterature straniere presso l'Università degli Studi di Udine. E' sempre stata appassionata di calcio, da ragazza si è tesserata con lo Zaule e si è poi trasferita alla Polisportiva San Marco di Villaggio del Pescatore, nel comune di Duino-Aurisina, dove è rimasta per 6 anni giocando per la prima volta in una formazione interamente femminile. Successivamente si è trasferita al Chiasiellis ma nella stagione 2011-2012 è stata colpita da un duro infortunio, mentre nel 2012 ha accettato la proposta del Brescia, dove è rimasta per una sola stagione. Dopo una stagione al Paris Saint-Germain, è tornata nella squadra lombarda, contribuendo ai suoi successi in UEFA Women's Champions League 2015-2016. A partire dal 2017 è entrata nella Juventus e ne è diventata capitano, arrivando a vincere anche lo scudetto. Nel frattempo è anche entrata nella nazionale del nostro paese, distinguendosi per l'incredibile talento. Essendo ormai una fonte di ispirazione per le rappresentanti del sesso femminile, Mattel ha deciso anche di dedicarle una esclusiva Barbie. Il suo merito? Aver dimostrato che il calcio non è uno sport per soli uomini, anche le donne possono raggiungere risultati ugualmente importanti e soddisfacenti.

La nazionale di calcio italiana spopola ai mondiali 2019

Lo scorso anno la nazionale di calcio maschile del nostro paese non è riuscita a classificarsi al campionato mondiale ma a dare qualche soddisfazione al pubblico italiano è arrivata la controparte femminile. La nazionale di calcio di sole donne sta infatti spopolando ai Mondiali che si stanno tenendo in Francia, a dimostrazione del fatto che non sono solo gli uomini a poter raggiungere grandi risultati in un mondo che fino ad ora era sempre stato considerato ad appannaggio maschile. Nelle ultime ore c'è stato il debutto contro l'Australia e il risultato finale di 2-1 ha cominciato a far sognare tutti i tifosi più incalliti. Ora nelle prossime settimane ci saranno gli scontri contro Brasile e Giamaica e sono moltissimi quelli che non escludono la possibilità di arrivare alla fase finale. L'ultimo piccolo inconveniente? Sara Gama è stata presa di mira per il colore della sua pelle, gli haters l'hanno accusata di non rappresentare il loro paese solo perché nata da genitori stranieri. La calciatrice, però, ha preferito non rispondere alle polemiche e mettere in mostra semplicemente il suo talento. A questo punto non resta che aspettare qualche settimana per capire se la nazionale di calcio femminile riuscirà a conquistare la coppa più ambita.