Ieri sera è andata in onda su Rai Uno la prima serata della 69esima edizione del Festival di Sanremo, evento che terminerà con la finale di sabato 9 febbraio. Sul palco dell'Ariston si sono esibiti tutti i 24 big: tra i look dei cantanti in gara a predominare sono stati il bianco e nero, come il total white di Paola Turci e Arisa, tra le donne, e quello di Achille Lauro e Ghemon, tra gli uomini in gara. Total black invece per Nek, e i Zen Circus, che amano i chodi in pelle. Il bianco e nero è anche il colore di molti tatuaggi impressi sulla pelle di alcuni dei cantanti in gara in questo Sanremo 2019: anche se ieri non ne abbiamo visti tanti in mostra, oltre a quelli evidenti sul volto di Achille Lauro. Vogliamo scoprire con voi i significati dei tatuaggi più originali e strani impressi sul corpo dei big di questa 69esima edizione del Festival. Ne abbiamo scelto alcuni, ecco quali.

Achille Lauro: dal viso al petto, i tatuaggi più curiosi

Achille Lauro, che si è esibito sul palco dell'Ariston con il brano "Rolls Royce" e, che per l'occasione indossava un abito total white di Carlo Pignatelli, ha il corpo ricoperto di tatuaggi ma i più evidenti sono quelli sul viso, visto che non ha la possibilità di nasconderli con i vestiti. L'ultimo che ha impresso sul viso, precisamente sulla guancia destra, è la scritta "Pour l'Amour", che in francese significa "Per l'amore", ovvero il titolo del quinto disco, oltre a un piccolo cuoricino poco sotto l'occhio. Dopo poco si è poi pentito della scelta fatta, e ha tentato di "correre ai ripari" facendosi tatuare la parola "Scusa" sulla guancia sinistra. Sul petto, Achille Lauro ha invece tatuato un dragone in stile giapponese che è considerato il simbolo della fortuna e della fertilità, ma viene associato anche all'incarnazione dello spirito maligno. Sempre sul petto c'è poi un'aquila con le ali spiegate, simbolo di forza, potere e regalità.

Ghemon e la passione per i tatuaggi "selvatici"

Ghemon, pseudonimo di Giovanni Luca Picariello, che ha portato sul palco di Sanremo 2019 il brano "Rose Viola", è un altro appassionato di tatuaggi, in particolare ama quelli "selvatici", anche se non li ha ancora messi in mostra sul palco. Ha infatti impressi una tigre, un lupo, diversi serpenti e anche una balena. Tra quelli che hanno più significato per il rapper, nella parte interna del braccio sinistro ci sono due mani che si intrecciano tra loro modello rettili con il lettering "Trust No One", che è il tributo ad una sua vecchia e cara amica. La tigre, invece simboleggia il suo modo di "aggredire" la scena del mondo hip hop con sotto il lettering "Me First": un tattoo che risale a un periodo in cui non aveva troppa fiducia in se stesso e, con il tempo invece, ne ha acquisita eccome.

Anna Tatangelo e i suoi tattoo ispirati ai legami

Anna Tantangelo, che si è presentata sul palco di Sanremo 2019 con la canzone "Le nostre anime di notte", è tra le donne sul palco che ha forse più tatuaggi. Tra quelli in mostra la prima serata c'erano la piccola chiave di violino, posizionata sulla parte posteriore del polso destro e che sta a simboleggiare il suo profondo legame con la musica, una passione che l'ha condotta al successo e che le ha rivoluzionato drasticamente la vita, fin da quando non aveva raggiunto neppure la maggiore età. L'altro mini tattoo evidente sulla parte posteriore del polso destro è una piccola croce, con all'interno la scritta San Pio, che simboleggia il suo legame con la religione. Tra i tatuaggi che più rappresentano il suo temperamento c'è il ghepardo che ha impresso sulla schiena: si tratta infatti di un felino dal carattere forte e paziente, che all'occorrenza riesce a correre molto velocemente.

Ignazio e Piero de Il Volo e i tattoo dedicati alla famiglia

Tra i componenti del trio de Il Volo, che sul palco della 69esima edizione del Festival di Sanremo si sono presentati con il brano "Musica che resta", Ignazio Boschetto è il più appassionato ai tatuaggi, ne ha infatti ben 9, contro 1 tatuaggio di Piero Barone, che ha impresso un pentagramma sulla gamba, le cui note rappresentano i componenti della sua famiglia. Anche tra i tatuaggi più significativi per Ignazio c'è una rosa dei venti, che ha impressa sul polso sinistro, dedicato al suo legame con la famiglia: i punti cardinali della rosa dei venti, infatti, sono sostituiti dalle sue iniziali e da quelle dei nomi di mamma, papà e sorella.

Irama e i tatuaggi ispirati alla cultura egizia

Irama, il giovane cantautore che si è presentanto sul palco dell'Ariston con la canzone "La ragazza con il cuore di latta", è molto appassionato della cultura egizia infatti, ogni serpente che ha tatuato sulle braccia contiene all'interno un simbolo egizio. Nel serpente sul braccio destro c'è l'occhio di Ra che è un simbolo di protezione. Sulle dita della mano sinistra ha invece tatuati due serpenti, nei quali ci sono impressi gli "anelli shen", amuleti che proteggono dalle forze negative. Si tratta di cerchi senza principio e senza fine che rappresentano anche l'eternità come incessante flusso del tempo.