I saldi estivi 2018 sono ufficialmente partiti lo scorso 7 luglio in ogni città d'Italia e sono moltissimi quelli che già si sono dati alle spese folli tra i propri negozi preferiti. A volte, però, ci si lascia prendere dalla foga e dalla voglia di fare a tutti i costi degli affari, finendo per non notare dei piccoli dettagli che potrebbero nascondere delle truffe. Per evitarlo basta prendere delle precauzioni: ecco tutto quello a cui bisogna fare attenzione durante le svendite di fine stagione.

1. Controllare il cartellino – Lo scorso 7 luglio hanno preso il via in tutta Italia i saldi estivi e, nonostante siano passati solo poco più di 2 giorni, c'è già stato un "assalto" ai negozi, che hanno proposto fin da subito delle svendite fino al 50%. Per evitare di essere truffati e di pagare un capo o un accessorio a prezzo pieno, è necessario fare attenzione al cartellino. Su quest'ultimo deve essere stampato il prezzo originale in modo ben visibile, così da poter capire quale offerta è stata applicata. Nel caso in cui il valore iniziale del prodotto non fosse indicato, sarebbe meglio evitare di acquistarlo.

2. Controllare che il prodotto non abbia difetti – Prima di acquistare un capo o un accessorio in periodo di saldi, è fondamentale controllare bene che non abbia falle o rotture, così da non ritrovarsi tra le mani qualcosa di difettato. Certo, il cambio è sempre possibile ma, se si ritorna dopo diversi giorni in negozio, si rischia di non trovare più lo stesso prodotto e soprattuto di non avere la possibilità di dimostrare che era già così al momento dell'acquisto.

3. Fare una revisione allo scontrino – Il periodo dei saldi è in assoluto uno dei più stressanti dell'anno per i dipendenti di un negozio: si ritrovano alle prese con clienti "impazziti" e con una mole di lavoro molto più elevata del solito. A volte, dunque, possono fare qualche errore, dimenticando di applicare a un prodotto la nuova etichetta che indica lo sconto. Per evitare di pagare a prezzo pieno un capo in offerta, sarebbe meglio fare una revisione allo scontrino subito dopo l'acquisto. Nel caso in cui i conti non tornino, è possibile chiedere spiegazioni.

4. Tutti i capi devono avere due etichette – I capi d'abbigliamento acquistati durante il periodo dei saldi devono avere due etichette, una che indica la composizione, l'altra che fa riferimento alla manutenzione, utile per evitare di danneggiarli durante la pulitura. Nel caso n cui non ci siano, con tutta probabilità si tratterà di prodotti cinesi o comunque di scarsissima qualità.

5. Fare attenzione ai pagamenti con carta – Spesso capita che durante i periodi di saldi si paghi con bancomat piuttosto che con i contanti. Tutti quelli che usano le carte di credito revolving dovrebbero fare un po' di attenzione, visto che potrebbero essere applicati dei tassi superiori al 20%. E' consigliabile dunque usare questo metodo di pagamento solo nel caso in cui il rimborso del capitale avviene in tempi brevissimi.