Oggi, 23 gennaio, ha inaugurato l'Officina Vanvitelli, la neonata sede per la formazione post-laurea per il Design per la Moda dell’Università Vanvitelli, e per l'occasione durante la cerimonia di apertura Rosita Missoni ha ricevuto un riconoscimento ambitissimo, la laurea Honoris Causa in Design per la Moda. Il suo merito? Aver dato vita a una delle più famose Maison di moda, diventata ormai il simbolo dell'eccellenza italiana, insieme al marito Ottacio Missoni, morto nel 2013.

I successi di Rosita Missoni

Rosita Missoni è la moglie di Ottavio, il fondatore dell'omonima Maison scomparso nel 2013, e ha vissuto tutta la sua vita all'insegna dello stile, tanto da essere stata soprannominata la signora della moda. E' nata a Varese da una famiglia che produceva scialli e tessuti ricamati ma già a partire dall'adolescenza ha cominciato a viaggiare in giro per il mondo. Aveva solo 16 anni quando è partita per una vacanza studio a Londra ed è proprio lì che ha conosciuto il futuro marito, che all'epoca aveva 27 anni e correva la 400 ostacoli alle Olimpiadi. Solo nel 1950, però, si sono innamorati follemente, si scambiavano tre lettere alla settimana, visto che vivevano distanti, e inizialmente la famiglia di lei non lo vedeva di buon occhio a causa della grossa differenza di età. Ottavio, però, non si è lasciato scoraggiare e si è messo in contatto personalmente con il nonno di Rosita, così da dimostrargli la sua natura da gentiluomo. I due si sono sposati nel 1953 e insieme hanno avvitato un'attività in via Cattaneo, a Gallarate, un laboratorio di maglieria che negli anni successivi diventerà uno dei  più grandi nomi della moda Made in Italy. La coppia ha poi spostato l’intera produzione artigianale a Sumirago, ancora oggi il quartier generale della griffe, e ha  inoltre avuto 3 figli, Vittorio, scomparso nel 2013, Luca e Angela. Nel 2013 la morte di Ottavio ha lasciato un enorme vuoto nel mondo della moda ma Rosita continua a gestire l'azienda e oggi ha ricevuto un riconoscimento ambitissimo, la laurea Honoris Causa in Design per la Moda.

Rosita Missoni riceve la laurea Honoris Causa

Oggi è un gran giorno per Rosita Missoni che, dopo aver fondato la nota casa di moda con il marito Ottavio negli anni '50, riceverà una laurea Honoris Causa in Design per la moda presso l'Officina Vanvitelli, la nuova sede per la formazione post-laurea dell'Università degli studi della Campania Luigi Vanvitelli. La fondatrice del brand ha tenuto una lectio magistralis su "La mia vita, i valori del made in Italy", raccontando le varie tappe che l'hanno portata al successo. Da questo momento in poi l'Officina Vanvitelli offrirà a 50 talentuosi studenti, attivi nel settore del design, della moda e della comunicazione, un polo per la formazione post laurea del dipartimento di Architettura e design industriale dell'ateneo. L'obiettivo è quello di ridurre al minimo la differenza tra la formazione accademica e il mondo delle aziende che lavorano nel fashion system. Chi meglio di Rosita Missoni, una donna che ha creato un vero e proprio "impero" dal nulla, avrebbe potuto dimostrare che è possibile realizzare i propri sogni con forza e determinazione?