Victoire Maçon Dauxerre ha 18 anni, viene da Parigi e il suo nome ha fatto il giro del web lo scorso anno, dopo aver raccontato gli immensi sacrifici che ha fatto per entrare nel mondo della moda. Era ossessionata dal suo peso, mangiava solo 3 mele al giorno ed era diventata anoressica, tutto nella speranza di ottenere nuovi ingaggi grazie al suo corpo magro. Oggi, è riuscita a sconfiggere la malattia che ha messo a rischio la sua vita e ha voluto raccontare con precisione il "lato oscuro" del fashion system.

“Per lo shooting la 40 può andare, ma per le sfilate bisogna stare nella 36-38. Intesi?”, è stata una delle richieste assurde fatte a Victoire, arrivata nel mondo della moda per caso dopo essere stata notata per strada da uno dei talent scout dell’agenzia Elite. E' stato proprio in quel momento che la sua vita è cambiata: ha cominciato a mangiare pochissimo, a prendere lassativi per non accumulare calorie, dimagrendo in modo spropositato, fino a quando non è arrivata a 47 chili. Il ciclo le era sparito, i peli non le crescevano più, non aveva calcio nelle ossa: la sua era una forma di anoressia forzata poiché si sentiva costretta a essere impeccabile e conforme agli ideali di bellezza comunemente accettati.

La cosa peggiore, però, è che le modelle come lei vengono ancora trattate come oggetti, manichini da "imbrattare" e a cui strappare e rincollare i capelli. Nel momento in cui la 18enne si è sentita una vera e propria "gruccia umana", ha capito che la situazione non poteva andare così. Oggi ha lasciato il suo lavoro e non prova più quella sensazione di vuoto.