Patchology
in foto: Patchology

I patch rivoluzioneranno il mondo beauty, o forse l'hanno già fatto: dimenticate le maschere e i trattamenti beauty in formato cremoso, oggi  è tutto in formato tessuto. Che sia cotone, cellulosa, carta o totalmente naturali come le maschere in fogli di polpa di cocco la bellezza passa attraverso i patch, pratici, comodi e decisamente efficaci. Ma di cosa si tratta esattamente e perchè sembrano essere più efficaci dei trattamenti beauty tradizionali?

Patch mania: cosa sono e come si utilizzano

Da qualche tempo sul mercato cosmetico sono comparsi i patch: si tratti di veri e propri "cerottini" in materiali differenti, dal cotone all'idrogel, imbevuti di sieri, trattamenti beauty e principi attivi puri. Sono solitamente confezionati in pratiche bustine monouso, e una volta aperti si fanno aderire al viso o si applicano in zone specifiche a seconda della loro azione e si lasciano agire, dimenticandoseli per il tempo di posa indicato.  Pratici e comodi, sono più efficaci delle maschere tradizionali perchè il principio attivo è più concentrato e supera la barriera della pelle, penetrando così più a fondo rispetto ai classici trattamenti beauty in crema.

Patch: tipologie e prodotti da provare

I patch sono dedicati soprattutto alla cura del viso, ma esistono anche dei trattamenti corpo in formato patch, ad esempio le belly mask in tessuto. I patch viso più gettonati sono quelli dedicati al contorno occhi: idratano la zona ma sono anche in grado di ridurre le borse e attenuare le occhiaie e le piccole rughe. Da provare i Flash Patch di Patchology: in idrogel, donano un comfort immediato allo sguardo grazie a una dose extra di idratazione. I patch dedicati alle labbra sono invece in grado di rimpolparle e di attenuare le piccole rughe del contorno labbra: i Patch Labbra di Gyada Cosmetics per esempio è ideale per labbra secche e screpolate e grazie all'acido ialuronico ha un'azione intensamente idratante. Per le rughette nasolabiali invece, sono da provare i Bee Venom micro-sting patch di Rodial, patch imbevuti di veleno d'api forniscono un effetto immediatamente visibile andando a rimpolpare e levigare la pelle per ridurre l'aspetto di linee e rughe. Esistono poi anche i patch purificanti, utilizzati soprattutto nella zona del naso, dove vanno a rimuovere impurità e punti neri. Da provare il Patch purificante naso di Caolion: elimina l'eccesso di sebo, rimuove efficacemente le impurità e minimizza i pori dilatati. Scopri tutti i patch da utilizzare nella gallery!

5 buoni motivi per utilizzare i patch

  1. Sono pratici: contenuti in piccole bustine monouso, sono estremamente comodi anche da portare in viaggio per un trattamento sos. Essendo già pronti, sono inoltre veloci e semplici da applicare sul viso, molto più di una maschera in crema.
  2. Sono igienici: essendo in formato monouso non si deteriorano. Spesso quando si applicano le maschere in crema le si prelevano dalla loro confezione con le dita, che possono essere portatrici di batteri e impurità che vanno poi ad intaccare la formulazione del trattamento.
  3. Sono più efficaci: a differenza delle maschere viso e dei trattamenti beauty tradizionali i patch hanno un'alta concentrazione di attivi e hanno spesso un'azione immediata.
  4. Sono mirati: la formulazione dei patch permette di lavorare solo su alcune zone, come ad esempio quella del contorno occhi, apportando benefici visibili allo sguardo, che appare subito più luminoso e fresco.
  5. Sono piacevoli: non tutte le maschere viso sono confortevoli sulla pelle. Può succedere a volte di sentire una sensazione di secchezza o di sentire la pelle tirare. Con i patch invece, potrai goderti un momento di totale relax e una piacevole sensazione di freschezza.