Prendersi cura della propria salute è fondamentale per sentirsi bene e in forma e, ogni volta che si hanno dei sintomi fastidiosi, sarebbe bene chiedere consiglio a un medico di fiducia, così da capire se sotto c'è qualche patologia o se non c'è alcun motivo per cui preoccuparsi. E' proprio per andare incontro alle rappresentanti del sesso femminile che non vogliono prendere sotto gamba i segnali dati dall'organismo che ONDA, l'osservatorio nazionale sulla salute della donna, ha promosso la (H) Open Week, ovvero sette giorni di iniziative dedicate a quelle che soffrono di malattie tipicamente femminili come dolore cronico, malattie reumatiche ed endometriosi: ecco quali sono gli eventi organizzati.

La (H) Open week promossa da ONDA

Dall'11 al 18 aprile oltre 190 ospedali italiani apriranno le loro porte alle rappresentanti del sesso femminile che soffrono di problemi come dolore cronico, malattie reumatiche ed endometriosi. In occasione dell'(H) Open week promossa da ONDA, l'osservatorio nazionale sulla salute della donna, per 7 giorni sarà possibile richiedere delle visite ortopediche, così da capire se dietro i fastidi registrati possano esserci malattie vere e proprie come artrosi, artrite reumatoide, lupus eritematoso sistemico, sclerodermia, sulle quali c'è ancora molta confusione, non a caso le diagnosi arrivano sempre in ritardo. I servizi offerti e gli ospedali aderenti sono disponibili sul sito Bollini Rosa, dove è possibile consultare la lista delle strutture "vicine alle donne" che offrono percorsi diagnostico-terapeutici e servizi dedicati alle patologie femminili, favorendo la cura e la prevenzione delle malattie reumatiche.

I sintomi delle malattie reumatiche

Il corpo umano è una "macchina infallibile" e quando c'è qualcosa che non va dà dei piccoli segnali che non dovrebbero essere sottovalutati. Le donne che vogliono prendersi cura della loro salute e che vogliono prevenire ogni malattia reumatica più o meno grave farebbero bene a non prendere sotto gamba alcuni sintomi. Dolere e gonfiore alle articolazione delle mani che persiste da più di 3 settimane, rigidità articolare al mattino, gonfiore improvviso, arrossamento al viso, pallore delle dita delle mani, secchezza, dolore alle spalle, alla schiena o alla colonna vertebrale, sono tutte cose da considerare "campanelli d'allarme". In casi come questi è consigliabile rivolgersi al medico di famiglia e richiedere una visita specialistica reumatologica. Solo intervenendo in tempo