39 CONDIVISIONI
video suggerito
video suggerito

Orgasmo femminile, arriva l’app per stabilire se è finto: serve a creare dei sex toys perfetti

La start-up Relida Limited ha dato vita a un algoritmo che promette di riconoscere l’orgasmo femminile, stabilendo in pochi secondi se è vero o finto. L’idea ha indignato il pubblico del web, anche se è stato chiarito che verrà utilizzata solo per produrre dei sex toys perfetti.
A cura di Redazione Donna
39 CONDIVISIONI
Immagine

Uomini e donne sono due mondi opposti, soprattutto quando si parla di sesso. I maschietti, ad esempio, sono ossessionati dall'orgasmo femminile e si sentono soddisfatti solo quando riescono a farlo raggiungere alla partner, non a caso al termine di un rapporto non possono fare a meno di rivolgere l'odiosa domanda "Sei venuta?". È chiaro dunque che non riescono proprio a capire da soli se il piacere provato e mostrato da una donna sia vero o simulato. Per togliergli ogni dubbio la start-up Relida Limited, azienda fondata a Cipro fondata da due uomini, ha dato vita a un algoritmo che stabilisce se l'orgasmo femminile è vero o finto. A differenza di quello che si potrebbe pensare, però, lo scopo non è migliorare la qualità del sesso o tenere sotto controllo l'eccitamento femminile, quanto piuttosto produrre dei sex toys perfetti. Secondo le stime dei creatori del progetto, il 26% delle donne finge sempre l'orgasmo, mentre un altro 74% ha ammesso di averlo fatto almeno una volta nella vita.

Dato che non esistono evidenze o prove per avere la certezza della cosa, spesso i vibratori e i giocattoli erotici non possono essere testati in modo ottimale. Da qui arriva l'idea di un app che, con un algoritmo e con l'analisi del battito cardiaco, riesce a "stanare" l'orgasmo. L'idea è stata presentata di recente su Twitter e ha provocato l'indignazione di moltissime rappresentanti del sesso femminile. Il motivo? Tutte sono d'accordo su un dettaglio ben preciso: non servono tecnologie innovative e visionarie per certificare l'orgasmo, basta chiederlo alle dirette interessate. I creatori della star-up si sono visti costretti a rispondere con un comunicato stampa ufficiale alle critiche ricevute. Le loro parole sono state: "C'è un tweet che ci descrive in un modo sbagliato e offensivo e per questo vogliamo chiarire. Le slide mostrate erano state inviate privatamente, non era previsto che fossero pubblicate". Insomma, a quanto pare l'app per scoprire l'orgasmo non deve finire tra le mani di donne e uomini, serve solo a testare prodotti per il piacere in fase di sviluppo. Quello che ci si chiede è: per quale motivo una donna dovrebbe fingere l'orgasmo quando usa un vibratore?

39 CONDIVISIONI
autopromo immagine
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni
api url views