L'olio essenziale di incenso si ricava dalla Boswellia carterii, una pianta appartenente alla famiglia delle Burseracee. Si tratta di un olio essenziale ricco di principi attivi, che gli conferiscono tante proprietà benefiche: è un ottimo antireumatico e antisettico, aiuta in caso di tosse e raffreddore ed è ottimo anche per la cura della pelle e per riequilibrare il sistema nervoso. Per produrre questo pregiato olio essenziale, si utilizza la resina dell'albero, che viene estratto attraverso un processo di distillazione in corrente di vapore. Ma scopriamo di più sulle proprietà benefiche e gli utilizzi dell'olio essenziale di incenso, e quali sono le controindicazioni.

Proprietà benefiche dell'olio essenziale di incenso

L'olio essenziale di incenso svolge un'azione antimicrobica, utile per le vie respiratorie, e antisettica: diffuso nell'ambiente aiuta a purificare l'aria ma funziona anche come espettorante in caso di raffreddore e calma la tosse. Può essere utilizzato anche per calmare crisi di asma, perché calma il respiro: in questi casi va splamato sul petto, fino a riscaldarlo. Svolge inoltre un'azione antireumatica: utilizzato diluito per massaggi, riscalda la zona interessata o dona nuovo ossigeno ai tessuti, riducendo il dolore. L'olio essenziale di incenso aiuta anche a riequilibrare il sistema nervoso e predispone alla calma: utile quindi in caso di ansia, stress e paure. Le sue proprietà astringenti e antiemorragiche, aiutano anche in caso di problemi all'apparato urogenitale e di ciclo mestruale abbondante. Sulla pelle svolge un'azione cicatrizzante, utile in caso di acne, riduce il sebo in eccesso sulla pelle grassa e ritarda la comparsa delle rughe. Aiuterebbe anche a rinvigorire e ristrutturare i capelli spenti e danneggiati, rendendoli più luminosi.

Come utilizzare l'olio essenziale di incenso

Se volete utilizzare l'olio essenziale di incenso per liberare le vie respiratorie, fate dei suffumigi, mettendone 2 gocce in una bacinella di acqua bollente. Oltre a respirare i vapori, utilizzatelo anche come diffusore d'ambiente per purificare l'aria. Potete anche prepara un bagno caldo con 6 gocce di olio essenziale di incenso e 6 di olio di cipresso, da emulsionare con un cucchiaio di miele: aggiungetelo all'acqua e respiratene il profumo durante il bagno.

Per realizzare una maschera purificante, mescolate insieme 2 gocce di olio di incenso con un cucchiaio di olio di mandorle dolci. Uniteli all'argilla ventilata sciolta in acqua e applicatela sul viso. Lasciate in posa una decina di minuti e sciacquate. Svolge anche un'azione astringente, utile in caso di pori dilatati.

Se volete utilizzare l'olio essenziale d'incenso come crema antirughe, aggiungetene 2-3 gocce al vasetto della vostra crema idratante e ne potenzierà l'effetto. Come trattamento d'urto potete mescolare 3 gocce di olio essenziale di incenso a 10 ml di olio di rosa mosqueta, e applicate su viso, collo e décolleté, zone più soggette alla formazione di rughe.

Per realizzare un efficace massaggio antireumatico, mescolate 3 gocce di olio essenziale di incenso in 2 cucchiai di olio di sesamo, e massaggiate sulla zona da trattare, poi coprite con un panno caldo e fate assorbire.

Se avete sul corpo delle smagliature recenti, quindi di colore rosso, potete attenuarle realizzando un mix con 2 gocce di olio essenziale di incenso, 2 di olio di sandalo e 1 cucchiaino di gel di aloe vera, applicando questa emulsione sulla zona da trattare.

Controindicazioni

Riguardo all'olio essenziale di incenso, non sono state segnalate particolari controindicazioni: è consigliabile, però evitarne l'uso in gravidanza. Inoltre è importante ricordare che non deve essere utilizzato puro sulla pelle, come tutti gli oli essenziali, ma deve essere sempre veicolato: un ottimo vettore è il miele. Per le diluizioni fatevi consigliare dal vostro erborista di fiducia.