181 CONDIVISIONI
Olimpiadi Tokyo 2020
31 Luglio 2021
10:55

Olimpiadi di Tokyo: Masomah Ali Zada pedala per le donne che nel suo Paese non possono andare in bici

In Afghanistan una donna che pedala è inaccettabile. Masomah Ali Zada ha subito ogni tipo di insulto e violenza, fisica e verbale, per aver scelto il ciclismo. Ha dovuto affrontare tante difficoltà, ma è arrivata a Tokyo 2020. Qui sulla sua bicicletta rappresenta la lotta delle donne afghane per i diritti e la libertà.
A cura di Giusy Dente
181 CONDIVISIONI
Masomah Ali Zada, Tokyo 2020
Masomah Ali Zada, Tokyo 2020
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
Olimpiadi Tokyo 2020

Per qualcuno lo sport è una passione, per qualcuno una missione, per qualcuno è un lavoro o una responsabilità. C'è chi lo mette al primo posto, chi è pronto a ogni rinuncia e ogni tipo di sacrificio in nome di una disciplina. Per la 24enne Masomah Ali Zada il ciclismo è un riscatto non solo personale: con la sua presenza alle Olimpiadi vuole dare speranza a tutte le donne afghane come lei, che lottano per conquistare diritti e libertà.

Masomah Ali Zada pedala per la libertà

Dall'Afghanistan a Tokyo: Masomah Ali Zada è arrivata ai Giochi dopo aver lasciato il suo Paese e chiesto asilo in Francia. Gareggia nel Refugee Olympic Team (la squadra dei rifugiati). L'ala conservatrice del Paese e i talebani non concepiscono l'istruzione femminile né l'accesso al mondo del lavoro, figuriamoci allo sport, men che meno quello ‘da uomini'. Le cicliste devono scontrarsi con una concezione patriarcale e sessista della società, che impedisce loro di vivere con serenità la loro passione e soprattutto di raggiungere alti livelli e competizioni di rilievo. Masomah Ali Zada ha raccontato di essere stata pesantemente insultata e aggredita, non solo verbalmente ma anche fisicamente, per il solo fatto di svolgere un'attività non consona a una donna: "Gli uomini, specialmente quelli che ci vedevano per la prima volta, ci lanciavano pietre. I negozianti locali ci lanciavano le verdure: sono stata colpita da patate, mele e qualunque cosa avessero in mano da lanciarci. E usavano parole molto offensive per noi, molto imbarazzanti". Lei dalla sua parte ha sempre avuto la famiglia, in primis suo padre, che l'ha spronata ad andare avanti e non mollare, ma non è stato affatto semplice. Per questo le Olimpiadi hanno assunto un significato così grande per lei. Alla cronometro individuale femminile è arrivata ultima, ma la sua vittoria è un'altra. Zahla Sarmat, membro della divisione femminile della Federazione ciclistica afghana, ha commentato entusiasta: "Sono davvero orgoglioso di lei. Una delle cose davvero cruciali che rappresenta è l'emancipazione delle donne in Afghanistan. L'ho vista affrontare così tante difficoltà come ciclista, solo perché è una donna". Oltre a praticare il ciclismo lei sta studiando per diventare dentista e ha anche fondato un club ciclistico per sole donne. Il suo sogno è ovviamente un Paese libero, dove si possa andare in bici e pedalare senza essere picchiate e minacciate.

181 CONDIVISIONI
466 contenuti su questa storia
Lascia un commento!
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni