E’ ormai risaputo che i jeans devono essere lavati il meno possibile, così da adattarsi perfettamente alle proprie forme, ma questo ragazzo canadese ha decisamente esagerato. Si chiama Josh Le, è uno studente dell’università dell’Alberta ed ha provato a fare un esperimento molto particolare: ha indossato gli stessi jeans per 15 mesi, praticamente 200 volte, senza mai lavarli.

Nel momento in cui si sporcava con del cibo, si limitava semplicemente a pulire il pantalone con una salvietta imbevuta ed addirittura ha indossato lo stesso jeans anche per dormire. I primi fastidi si sono fatti sentire dopo 7 mesi. Era in vacanza in California ed ha lasciato il pantalone in valigia per 3 giorni. Il clima caldo e umido ha favorito la proliferazione dei batteri e quindi dei cattivi odori. Per risolvere il problema, Josh lo ha messi per qualche notte nel freezer, un rimedio “naturale” particolarmente efficace, ed infatti è riuscito a ridurre in modo evidente l'odore pesante.

Al termine dei 15 mesi, i suoi pantaloni sono stati analizzati da Rachel McQueen, docente di Ecologia umana della stessa università, ed i risultati sono stati incredibili. E’ stata trovata una normale flora cutanea, con una maggiore concentrazione di batteri nella zona del cavallo, ma non è stato riscontrato alcun pericolo per la salute. L’Escherichia coli, il batterio fecale che causa moltissime infezioni alle parti intime, era completamente assente. Naturalmente, l’esperimento di Josh è un po’ troppo “estremo”, ma dimostra che è possibile non lavare i jeans per molto tempo senza avere ripercussioni sulla salute. Il consiglio della docente che ha analizzato il pantalone è comunque curare l'igiene dei propri pantaloni, lavandoli almeno una volta al mese.