Tutti amano organizzare cene in giardino o aperitivi in terrazzo. Senza un riscaldamento esterno, però, tutto questo diventa veramente difficile, soprattutto nei periodi più freddi dell'anno. Le stufe da esterno possono rivelarsi delle alleate valide per affrontare le basse temperature e rendere l'ambiente caldo e confortevole.

Che si tratti di utilizzare delle stufe da esterno elettriche, a GPL, a pellet o legna è chiaro che avere una fonte di calore per sè e i propri ospiti sia fondamentale. Probabilmente, se avete già fatto qualche ricerca, vi sarete imbattuti in tantissimi modelli online e avrete visto che ognuno presenta delle caratteristiche ben distinte.
Esistono infatti prodotti con design differenti come le stufe da esterno a piramide, a fungo o a colonna.

La scelta insomma può essere ardua senza qualche indicazione. In questa guida abbiamo deciso di mostrare, in maniera pratica, quali sono gli aspetti fondamentali da valutare per scegliere la migliore stufa da esterno, oltre naturalmente ai modelli più sicuri e affidabili. Dopo averla letta non dovrete più rinunciare a gustare un'ottima cena all'aperto con amici e parenti.

Le migliori stufe da esterno del 2020

Come detto in apertura, in questa guida andremo a vedere quali sono i migliori riscaldamenti per esterni valutandone le diverse caratteristiche. In più abbiamo selezionato alcuni modelli che, a detta dei consumatori, risultano i migliori in termini di caratteristiche, consumi e potenza riscaldante.

Stufa elettrica da esterno Tristar KA-5287

Il primissimo modello è questa stufa elettrica da esterno Tristar KA-5287, di sicuro tra le migliori soluzioni in termini di riscaldamento da esterno. Si tratta di un modello completo adatto anche ad ambienti molto grandi come giardini, ampi terrazzi o gazebo.

Questa stufa infatti garantisce una potenza radiante di ben 2000 watt sufficienti per riscaldare l'ambiente in pochi minuti. Un aspetto interessante è la possibilità di regolare la struttura in base alle proprie esigenze scegliendo tra la struttura classica con piantana, la quale include nelle misure di sicurezza una protezione anti rovesciamento, o preferendo l'installazione a muro, particolarmente indicata per chi ha poco spazio a disposizione.

Le impostazioni di calore regolabili sono tre in modo da adattare la temperatura in base alle proprie preferenze e tenere sotto controllo i consumi.

Pro: Facile da posizionare grazie alla doppia struttura a piantana e a muro.

Contro: Non particolarmente adatta ad ambienti troppo grandi.

Stufa a gas a piramide per esterno

Passiamo a un modello completamente diverso rispetto al precedente. In particolare questa stufa a gas a piramide per esterno presenta tutte le caratteristiche che la rendono un prodotto completo. Parliamo naturalmente di una stufa alimentata esclusivamente con propano o butano, da evitare assolutamente il metano in quanto non compatibile.

Parliamo di una stufa con struttura a piramide la quale assicura un riscaldamento rapido di ambienti medi. Importante sottolineare che questo prodotto può essere utilizzato anche come stufa da interni in quanto è progettata per essere ottimale anche in luoghi chiusi. L'unico avvertimento da parte dei costruttori è quello di arieggiare bene l'ambiente in quanto la combustione del gas consuma l'ossigeno nella stanza.

Pro: Design molto professionale adatto a qualsiasi ambiente.

Contro: Necessita di un minimo di manualità per essere messa in funzione.

Stufa a fungo GPL Sunny

Il terzo modello è questa stufa a fungo GPL Sunny la quale rappresenta senza dubbio un'ottima soluzione adatta a tutte le tasche. Com'è facile intuire questo fungo riscaldante si alimenta a GPL tramite bombola da 15 Kg da inserire nell'apposito alloggio.

Il sistema di riscaldamento presenta due regolazioni che permettono di impostare la temperatura in base alle proprie preferenze grazie anche ai 13,5 Kw in grado di riscaldare ambienti di medie dimensioni (l'ideale è tenersi in un ambiente che non superi i 20 mq). La struttura è molto resistente realizzata in solido acciaio e, grazie alle rotelle, davvero molto semplice da spostare.

Il consumo medio nominale si attesta sui 0,9 Kg/h rendendo questo prodotto conveniente anche sotto questo punto di vista. Importante sottolineare che, per utilizzarlo, è necessario un kit contenente un regolatore di pressione a taratura fissa 29-37mbar, un tubo gas flessibile da 50cm, guarnizioni e fascette, non incluso con il prodotto.

Pro: Prezzo decisamente accessibile per una buona stufa a GPL.

Contro: Kit regolatore non incluso nel prodotto.

Stufa per esterno elettrica Navaris

Altro modello molto venduto è questa stufa per esterno elettrica Navaris. Nello specifico permette di regolare la temperatura in base a tre diversi programmi con una potenza radiante di 650W, 1350W o 2000W da poter regolare in base ai propri gusti, alla temperatura esterna e allo spazio da riscaldare.

Anche questo modello può essere utilizzato a parete o da terra tramite l'apposita staffa regolabile in altezza tra 177 e 210 cm e in inclinazione fino a 45°. In termini di misure di sicurezza la parte riscaldata è coperta da una griglia la quale permette di evitare il contatto diretto con la zona calda.

La confezione include, oltre naturalmente alla lampada riscaldante, anche un pratico cavo di alimentazione di tre metri in modo da poter spostare la stufa dove più si preferisce.

Pro: Cavo di alimentazione extra lungo.

Contro: Struttura non adatta a sopportare le intemperie.

Stufa a legno da esterno TecTacke

Concludiamo con una chicca parlandovi di questa stufa a legno da esterno TecTacke. I prodotti che sfruttano come combustibile la legna sono senza dubbio i più caratteristici in quanto rimandano ai sistemi riscaldanti di un tempo.

Questa stufa da esterno a legna è realizzata quasi completamente in ghisa con profilato in acciaio e presenta, nella parte anteriore, una comoda griglia anti scintilla che va a coprire la zona dove si inserisce il combustibile. Si tratta di un modello ottimo per riscaldare ambienti come giardini, terrazzi o porticati mantenendo un certo stile. Il prodotto inoltre include un attizzatoio, un dispositivo di regolazione per la presa d'aria e un coperchio del tiraggio amovibile.

Pro: Prodotto in ghisa, materiale bello esteticamente e sicuro.

Contro: Sprovvista di ruote il che la rende difficile da spostare visto il peso

Come scegliere la migliore stufa da esterno

Come abbiamo avuto modo di vedere, quando si parla di riscaldamenti da esterno, la scelta è davvero ampia. Tra apparecchi di ogni forma, tipo e dimensione si rischia di perdersi e non scegliere il prodotto giusto.

Per fortuna esistono alcune caratteristiche fondamentali di cui tener conto per poter scegliere il prodotto che soddisfa meglio le vostre esigenze. Prima di organizzare le prossime cene con amici all'aperto forse è il caso di dargli uno sguardo.

Tipologia

Il primo fattore chiave per selezionare un apparecchio riscaldante è capire di che tipologia si ha bisogno. Per poter irradiare calore, infatti, la vostra stufa necessita di un'alimentazione che può variare in eletterica, a gas, a pellet o a legna.

Le stufe elettriche da esterno sono senza dubbio le più diffuse in quanto sono le più semplici da utilizzare. Questi apparecchi si alimentano direttamente in corrente, grazie all'apposito cavo, e non necessitano di una manutenzione particolarmente difficile. In più, come ulteriore plus, presentano dei costi molto ridotti che le rendono la scelta ideale per molti consumatori.

In questa categoria rientrano anche le stufe a infrarossi le quali, attraverso una superficie radiante, permettono di riscaldare gli ambienti tramite irraggiamento.

Le stufe da esterno a gas sono la seconda possibilità a disposizione. Questo tipo di apparecchio sfrutta naturalmente il gas, generalmente GPL, bioetanolo, butano e propano grazie ai quali è in grado di riscaldare l'intero ambiente. Una stufa da esterno a GPL è molto più potente rispetto a una elettrica. Per contro però c'è da dire che la manutenzione necessaria per questo genere di stufe è molto più impegnativa e, prima di poterla utilizzare, è necessario servirsi di un kit regolatore non sempre incluso con il prodotto.

In terza battuta abbiamo le stufe per esterno a pellet. Queste sono alimentate per l'appunto dal pellet il quale non è altro che un combustibile ricavato dal legno vergine oppure ottenuto dagli scarti di lavorazione. Grazie alla grande qualità del combustibile, tali apparecchi risultano decisamente performanti, anche se c'è da dire che queste stufe sono più costose e necessitano di maggiore controllo e pulizia. Per un ulteriore approfondimento vi rimandiamo alla guida specifica sulle stufe a pellet

Infine abbiamo le stufe a legna da esterno. Queste sono di sicuro le più caratteristiche in quanto utilizzano il combustibile più antico del mondo, il legno per l'appunto. Si tratta di veri e propri oggetti da arredamento che arricchiscono in maniera perfetta l'ambiente, in particolare giardini, balconi o porticati.
In questo caso i consumi risiedono tutti nel prezzo per l'acquisto della legna.

Design

Un altro fattore importantissimo riguarda il design che sceglierete. Proprio l'aspetto infatti può variare tantissimo in base al modello, da valutare naturalmente tenendo conto degli spazi che avete a disposizione e dello stile dell'ambiente in cui andrete a collocare l'apparecchio.

Esiste ad esempio la stufa a piramide, detta anche stufa a colonna, così chiamata proprio in virtù della sua forma. Questa generalmente presenta una base molto ampia che serve per mantenere l'intera struttura la quale, man mano che si sale, tende sempre più a restringersi formando una vera e propria piramide. Sono tipologie di apparecchi abbastanza avanzati che permettono di riscaldare anche grossi ambienti grazie proprio alla loro potenza. La stufa da esterno a piramide è considerata una delle più eleganti.

In alternativa si potrebbe optare per un fungo riscaldante, anch'esso chiamato così in virtù della sua forma. Per farvi capire meglio come sono strutturati questi dispositivi basta pensare al riscaldamento esterno per bar. Proprio in questo genere di attività sono spesso presenti tali dispositivi in quanto comodi da spostare e molto performanti. La struttura prevede una base, un tubo e una parte finale, quella dalla quale fuoriesce il calore, a forma di…fungo.

Infine ci sono anche le stufe a muro le quali, com'è facile comprendere, possono essere appese direttamente alla parete. Queste sono ideali come riscaldamento per gazebo in quanto, da un singolo punto, garantiscono il riscaldamento rapido dell'intero ambiente. Per spazi ridotti è possibile anche optare per una stufa portatile molto comoda in quanto semplice da spostare praticamente ovunque.

Potenza

Quanto deve essere potente una stufa da esterno per riscaldare a sufficienza? Bella domanda! In realtà questo valore dipende da vari fattori che riguardano naturalmente il combustibile utilizzato ma soprattutto lo spazio nel quale questa stufa viene utilizzata.

Considerate che un modello dalla potenza di 13,5KW riesce a riscaldare tranquillamente un'area tra i 15 e i 25 mq. Come detto in precedenza però, il combustibile è il fattore principale che può influire su questo dato ed è quindi sempre bene valutare a priori quest'ultimo, rapportato con l'area che si ha a disposizione, prima di procedere con la scelta.

Misure di sicurezza

Quando si parla di riscaldamenti la sicurezza non è mai troppa. Bisogna ricordare infatti che le stufe (soprattutto quelle che utilizzano combustibili altamente infiammabili) possono risultare molto pericolose se non dotate delle giuste protezioni.

Per quanto riguarda i riscaldamenti a GPL fate sempre attenzione che includano sistemi anti ribaltamento, i quali assicurano che l'apparecchio non si rovesci e lo spegnimento automatico per evitare di lasciarlo acceso per troppo tempo.

In più trattandosi di apparecchi che saranno impiegati in giardini o terrazzi verificate che presentino una adeguata resistenza all'acqua o comunque delle protezioni idonee come la protezione dagli schizzi IPX4.

Ambiente da riscaldare

La giusta stufa deve essere scelta anche in base alle dimensioni dell'ambiente da riscaldare in quanto non tutti i modelli garantiscono le stesse performance. Per ambienti non eccessivamente spaziosi, come ad esempio un gazebo, le stufe elettriche sono senza dubbio ideali.
Se si ha necessità di riscaldare ambienti più spaziosi sarebbe meglio valutare l'acquisto di una stufa a GPL, decisamente più performante, o di una a pellet, spesso adatta anche per gli interni.

Quelle a legna invece risultano idonee praticamente per qualsiasi ambiente.

Funzioni

Un'ulteriore aspetto riguarda infine le funzioni della vostra nuova stufa. Quasi tutti i modelli più moderni danno la possibilità di regolare il calore in base a vari livelli in modo da avere sempre la temperatura che si preferisce e di regolarla in base a quella dell'ambiente circostante.

Sopratutto per ambienti esterni, dove la temperatura è molto variabile, questo rappresenta un plus importante.

Come utilizzare una stufa da esterno

Prima di decidere quale sarà la vostra prossima stufa valutate con attenzione anche in che modo la andrete ad utilizzare.

Questi apparecchi sono ideali per qualsiasi situazione che includa delle zone esterne all'abitazione. Non si parla infatti di stufe da interno (a parte le stufe da esterno a pellet) ideali per riscaldare case e appartamenti ma di strumenti per luoghi maggiormente esposti al freddo e alle intemperie.

Generalmente le si utilizza per riscaldare un gazebo, in modo da poter tranquillamente organizzare una cena con amici, o anche per riscaldare un terrazzo con tende in pvc, materiale ideale per schermare eventuale pioggia, neve o grandine.
Se avete intenzione di impiegarli in ambienti più grandi, come ad esempio un giardino, è fondamentale che organizziate bene gli spazi. Considerate magari di piazzare la lampada riscaldante abbastanza vicino al tavolo in modo tale che gli ospiti possano godere del calore evitando che quest'ultimo si disperda.

Qual è la migliore stufa da esterno economica?

Rispondere a questa domanda in maniera precisa non è certo semplice in quanto, come abbiamo visto, sono tanti i fattori che possono influire. Il consiglio che vi diamo è sempre quello di valutare in primis quali sono gli spazi che avete a disposizione in modo da non rischiare di acquistare un prodotto con una potenza eccessivamente superiore rispetto all vostre esigenze. Di sicuro un apparecchio elettrico costerà di meno rispetto, ad esempio a una stufa da esterno a legna, così come un prodotto portatile sarà meno impegnativo rispetto a uno fisso.

Cercando diversi prodotti online comunque avete la possibilità di analizzare con attenzione le varie caratteristiche (tecniche e non) per scegliere il prodotto ideale ed essere pronti per organizzare cene ed eventi all'aperto.