A chi non è mai capitato di avere un bisogno impellente fuori casa e di dover necessariamente utilizzare i bagni pubblici? A meno che non vogliamo stare in piedi e in bilico, magari con la borsa appesa al collo e le gambe che tremano per la fatica, dobbiamo necessariamente sederci ma, a quel punto, facciamo il possibile per evitare di toccare il bordo della tazza utilizzata da decine e decine di sconosciuti. Il più delle volte ricopriamo il water con della carta igienica, nella speranza che la cosa possa ridurre al minimo la quantità di batteri che entrano in contatto con la pelle e le parti intime, ma ignoriamo il fatto che si tratta di una pessima abitudine.

Il motivo? La carta igienica è stata pensata per raccogliere i batteri e dunque quello strato di cellulosa che ci separa dalla tavoletta del water non fa altro che assorbire la sporcizia, non dando alcun tipo di protezione contro i batteri. L'ideale sarebbe utilizzare un copriwater, pensato appositamente per sedersi su un wc senza andare incontro a problemi simili.

Come se non bastasse, solitamente tutti lasciamo il copriwater aperto quando tiriamo lo sciacquone nei bagni pubblici. Anche se si tratta di un gesto all'apparenza innocuo, in verità solleva nell’aria germi e batteri fecali e molti di loro finiscono proprio sulla carta igienica che si utilizza per ricoprire la toilette. Di sicuro, dopo aver scoperto questi piccoli dettagli, nessuno di noi avrà più voglia di servirsi di quella carta per "proteggersi" dalle infezioni. Se stiamo per molto tempo fuori casa, faremmo meglio portare sempre con noi dei copriwater.