Non si è ancora trasferita ufficialmente alla Casa Bianca ed è già al centro delle polemiche. La nuova First Lady Melania Trump ha un passato da modella e ha sempre amato il lusso, tanto da indossare un abito da sposa su misura di Dior disegnato da John Galliano dal valore di 200.000 dollari per il suo matrimonio con Donald. Anche se la sua bellezza è innegabile, nel momento in cui è diventata la "Prima donna" statunitense, sono stati molti gli stilisti che si sono rifiutati di vestirla, un fenomeno decisamente bizzarro, visto che di solito le grandi Maison di moda fanno carte false pur di vestire una personalità in vista come la First Lady americana. Marc Jacobs, Tom Ford, Sophie Theallet, Phillip Lim, Derek Lam, sono solo alcuni dei designer più famosi al mondo che, non accettando la politica di Trump e non volendosi schierare a suo favore, hanno pensato bene di "sabotare" sua moglie, invitando anche i loro colleghi a fare la stessa scelta.

Dopo il rifiuto degli stilisti americani, Melania punta sulla moda italiana

Per fortuna, però, dopo un'estenuante ricerca durata mesi, la "povera" Melania ha deciso di fare di testa sua e ha acquistato un abito del brand Dolce&Gabbana, indossato durante il party di Capodanno nella residenza Trump in Florida, a Mar-a-Lago. Il vestito fa parte della collezione Cruise, costa 1.950 dollari ed è un tubino nero con uno spacco sulla parte anteriore, una scollatura che mette il décolleté in mostra e dei fiocchi decorati con delle pietre brillanti sulle bretelle. Melania Trump potrebbe dunque puntare su un altro vestito Dolce&Gabbana anche per l’inaugurazione del mandato presidenziale del marito, che si terrà il 20 gennaio a Washington. Di certo, lo stile appariscente e pomposo dei due stilisti si adatta alla perfezione a quello di una donna tanto esuberante come la nuova First Lady.

Dolce&Gabbana e le polemiche scatenate dall'abito di Melania Trump

Naturalmente, le polemiche non si sono fatte attendere. Gli stilisti di origini siciliane sono stati accusati di essersi svenduti, cedendo alle lusinghe dei Trump. Il tutto è partito quando Stefano Gabbana ha condiviso la foto di Melania con indosso il tubino nero e, nella didascalia, l'ha ringraziata scrivendo: "Melania Trump #DGwoman. Thank you #madeinitaly".

Lo stilista ha cominciato a ricevere commenti negativi, insulti più o meno velati, che fanno riferimento al fatto che condividere una foto su Instagram equivale a schierarsi a favore della politica di Donald. "Davvero avete scelto di vestire Melania Trump?",  "Mi risulta che i princìpi del marito siano quasi del tutto incompatibili con i vostri", "Tutti ma non lei", sono solo alcune delle affermazioni che si leggono sotto lo scatto. Non sono mancate le parole di sostegno: un utente Instagram ha infatti affermato che quelle parole cattive fossero dovute esclusivamente alla gelosia provata da molti nei confronti della Trump, una donna dall'innegabile bellezza. Stefano Gabbana, intanto, non ci ha pensato su due volte a fare "dietro front", affermando che era stata la stessa Melania a scegliere l'abito senza consultarlo. A questo punto, non resta che aspettare il suo debutto alla Casa Bianca per capire se sceglierà ancora una volta la Maison italiana.