Malto d’orzo: cos’è e come utilizzare il dolcificante naturale alternativo allo zucchero

Il malto d’orzo è un dolcificante naturale alternativo allo zucchero normale e di canna, e al miele. Si ricava dalla macerazione dell’orzo ed è ancora poco conosciuto e utilizzato, nonostante le sue tante proprietà: è infatti depurativo, digestivo, energizzante, ed è poco calorico. Scopriamo di più sullo zucchero d’orzo e come utilizzarlo.
A cura di Redazione Donna

Il malto d'orzo, chiamato anche zucchero d'orzo, è un dolcificante naturale alternativo allo zucchero normale e di canna, e al miele. Si ricava dalla macerazione dell'orzo, ed è ancora poco conosciuto e utilizzato, nonostante le sue tante proprietà: è infatti depurativo, digestivo, energizzante, ed è poco calorico. Si tratta di un prodotto zuccherino che può essere utilizzato per dolcificare bevande e dolci e per facilitare il processo di lievitazione dei lievitati. Scopriamo di più sul malto d'orzo e come utilizzarlo, tutti i giorni, per sostituire lo zucchero.

Cos'è il malto d'orzo e come si ottiene

Il malto d'orzo è un dolcificante naturale che si ottiene dall'orzo: il ciclo di lavorazione è composto da diverse fasi, e avviene all'interno di fabbriche di trasformazione chiamate malterie. Una volta germinati, i chicchi d'orzo vengono fatti seccare e poi macerare in appositi contenitori pieni di acqua: in questo modo si gonfieranno. Dopo verranno sistemati in camere di germinazione per circa una settimana. Infine sarà effettuata l'essiccazione e poi la cottura in acqua: sarà poi ridotto poi in polvere o in forma liquida. Si otterrà così uno prodotto zuccherino denso, ma meno dolce dello zucchero normale, e con un retrogusto amarognolo ma gradevole.

Proprietà nutrizionali e benefiche del malto d'orzo

Il malto d'orzo ha un alto contenuto di maltosio, uno zucchero simile al fruttosio, inoltre è ricco di aminoacidi e sali minerali, soprattutto potassio, magnesio e sodio, e contiene molta acqua: per questo dolcifica meno rispetto allo zucchero tradizionale. Si tratta di un alimento nutriente e ricco di proprietà benefiche: oltre ad essere un ottimo sostituto di zucchero e miele, è benefico per l'intestino, in quanto svolge un'azione depurativa, aiuta infatti il lavoro del fegato, favorendo l'eliminazione delle tossine. Contiene poi enzimi digestivi, quindi favorisce la digestione e il benessere generale dello stomaco. Lo zucchero d'orzo è anche un energizzante naturale: ciò grazie alla presenza di zuccheri a lento rilascio che agiscono in modo costante su energia e tono dell'umore, per questo viene utilizzato anche dagli sportivi. Il malto d'orzo contiene inoltre maltolo, cosiderato un antitumorale, infine è poco calorico: contiene circa 300 calorie per 100 gr di prodotto, mentre lo zucchero normale contiene circa 392 calorie ogni 100 gr, è indicato quindi per chi segue una dieta ipocalorica.

Come utilizzare il malto d'orzo e dove trovarlo

Il malto d'orzo è un dolcificante che può essere utilizzato nelle bevande, ma anche per la preparazione di biscotti, dolci o prodotti da forno. Inoltre è in grado di favorire la lievitazione: i lievitati si nutrono infatti di zuccheri. Il malto d'orzo si trovo sotto due forme: liquido, adatto per dolcificare le bevande, e in polvere, ideale per i lievitati. Se si sceglie di utilizzarlo al posto dello zucchero normale o di canna, bisogna considerare che il malto d'orzo è meno dolce, quindi è necessario utilizzarne una dose maggiore: si consiglia di solito di sostituire 100 gr di zucchero bianco con 125 gr di zucchero di malto. Se decidere invece di utilizzare il malto d'orzo in polvere per i lievitati, utilizzatene 15 gr per ogni chilo di farina: evitate di eccedere nelle dosi, per non rovinare l'equilibrio dell'impasto. Potete acquistare il malto d'orzo, nella versione liquida o in polvere, nei negozi di alimentazione biologica, nelle erboristerie, nelle farmacie e online: una confezione di malto d'orzo biologico liquido da 400 gr costa circa 4 euro.

Controindicazioni

Il malto d'orzo contiene glutine, quindi non può essere consumato dai celiaci. Inoltre è un dolcificante naturale con un indice glicemico medio: meglio quindi evitarne il consumo se si soffre di diabete o quando si devono tenere sotto controllo gli zuccheri nel sangue. In questi casi meglio chiedere consiglio al medico, che saprà indicare quali dolcificanti utilizzare in base alla propria condizione personale.

Zucchero di cocco: cos'è e come utilizzare questo dolcificante naturale
Zucchero di cocco: cos'è e come utilizzare questo dolcificante naturale
Dolcificanti naturali: l'alternativa allo zucchero che fa bene alla salute
Dolcificanti naturali: l'alternativa allo zucchero che fa bene alla salute
Miele di Maguey: benefici del dolcificante alternativo allo zucchero
Miele di Maguey: benefici del dolcificante alternativo allo zucchero
Lascia un commento!
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni