Ex giornalista televisiva, moglie di Felipe di Borbone e mamma delle piccole Leonor e Sofia, dal giugno 2014 Letizia Ortiz è regina di Spagna. Oltre ad avere una passione per il riciclo e per la moda low cost è anche attenta alle tematiche sociali, che affronta senza paura di esporsi. Non a caso, l'Osservatorio contro la violenza di genere l'ha premiata per il suo impegno in nome della parità di genere e dell'empowerment femminile, due delle questioni che le stanno più a cuore. In tutti i suoi discorsi ha sempre messo l'accento sull'importanza di dare pari diritti a uomini e donne e sostenere queste ultime in tutti quei campi dove il loro inserimento appare ancora difficoltoso. La regina di recente ha voluto dare un sostegno attivo, in prima persona, ai più bisognosi: si tratta stavolta di popolazioni dell'America centrale messe in ginocchio non solo dalla pandemia, ma colpite da due uragani molto distruttivi. La Ortiz è volata in Honduras per dare il suo supporto alle ONG del posto, un gesto che ha fatto scattare il parallelismo con l'amatissima principessa Diana, sempre a fianco degli ultimi.

La regina di Spagna impegnata sul fronte umanitario

In camicia bianca, scarponcini e gilet rosso della Cooperación Española, Letizia di Spagna è volata per la seconda volta in Honduras per dare il suo sostegno alle popolazioni locali duramente colpite nel mese di novembre da due uragani: Iota e Eta. Per lei è il primo tour all’estero da quando è scoppiata la pandemia, che però non l'ha scoraggiata nel suo voler rendersi utile per i più bisognosi, nel rispetto delle norme anti-contagio. Difatti ha sempre indossato la mascherina, anche nei suoi incontri con le persone del posto e con i volontari della Croce Rossa Spagnola. Il delegato Raúl Gutiérrez ha ringraziato la regina consorte per il suo appoggio verso i sacrifici dei cooperanti internazionali e del popolo honduregno, che si trovano a fronteggiare non solo un'emergenza sanitaria ma anche le conseguenze di devastanti calamità naturali. Basti pensare che San Pedro Sula, seconda città e capitale industriale del Paese, il mese scorso è stata letteralmente sommersa dall’acqua. La protezione civile locale ha registrato oltre cento morti e mezzo milione di evacuati: a tutti gli effetti è stata l'Honduras la regione maggiormente colpita da questi cicloni distruttivi, che hanno aggravato una situazione già precaria.

Letizia Ortiz come Lady Diana

La regina ha attraversato la valle di San Pedro Sula e nel suo mini tour di 55 ore è stata coinvolta nella consegna di circa 120 tonnellate di aiuti umanitari, compresi test rapidi anti Covid. Si è anche recata al centro educativo di La Lima, dove ha avuto modo di trascorrere del tempo con un gruppo di bambini. Poi è stata la volta di un incontro ufficiale con il presidente honduregno Juan Orlando Hernández. Vedere Letizia Ortiz impegnata in prima persona in questo viaggio umanitario ha attirato molta attenzione e oltre ad essere stato un gesto molto apprezzato è stato subito collegato a quanto fatto in vita da Lady Diana. La principessa triste aveva particolarmente a cuore i malati, i bambini, i poveri ed era solita visitare gli ospedali. Fu un'instancabile operatrice benefica, appoggiava diversi enti e le sue foto con i malati di Aids e nelle zone di guerra fecero il giro del mondo. La Campagna internazionale per il bando delle mine antiuomo a cui diede il suo appoggio, vinse il premio Nobel per la pace nel 1997, pochi mesi dopo la sua tragica morte.