Le proteine sono le sostanze nutritive essenziali per fornire energie al corpo ma, per evitare di consumare spesso carne e alimenti di origine animale, è necessario puntare su quelle vegetali. Cereali non raffinati, riso integrale, farro, orzo, miglio, legumi, verdure e pesce sono i cibi che ne contengono in elevate quantità. Essendo povere di grassi, le proteine vegetali aiutano a ridurre il rischio di mortalità e a dimostrarlo è anche uno studio condotto dall’Harvard Medical School di Boston e pubblicato su "Jama Internal Medicine".

In particolare, sono state tenute sotto controllo le abitudini alimentari di un gruppo di uomini e donne per ben 32 anni e i risultati sono stati chiari. Quando aumentava la quantità di proteine animali ingerite, cresceva anche la probabilità di andare incontro a malattie cardiovascolari, cosa che non veniva registrata tra coloro che invece avevano consumato delle proteine di origine vegetale. Le proteine naturali sarebbero anche capaci di prevenire ictus, Alzheimer e tutte le malattie degenerative.

Naturalmente, i vantaggi sono molto più evidenti fra i fumatori, i bevitori di almeno 14 grammi di alcol al giorno, i sovrappeso o obesi, i fisicamente inattivi e coloro che hanno un'età inferiore ai 65 anni o superiore agli 80 anni. Da inserire assolutamente nella propria dieta sono i legumi, in particolare i fagioli, le lenticchie, i ceci, i piselli, i lupini, ma anche i prodotti a base di soia come latte, yogurt, tufo e tempeh. Insomma, a tutti coloro che vogliono rimanere in salute non resta che ridurre il consumo di carne, privilegiando i prodotti a base vegetale.