175 CONDIVISIONI
24 Giugno 2015
11:45

“La taglia non mi definisce”: Tess mostra l’incoerenza delle etichette degli abiti

Tess Holliday è una delle modelle curvy più amate al mondo. Porta la 56 e va fiera delle sue curve. Di recente, ha denunciato su Instagram l’inconsistenza delle taglie dei vestiti con una foto. Nello scatto mostra le etichetta di sei suoi abiti. Incredibilmente, su ognuna di loro viene indicata una taglia diversa.
A cura di Valeria Paglionico
175 CONDIVISIONI

Tess Holliday è una delle modelle plus-size più famose del mondo. Porta la 56 e va fiera delle sue forme abbondanti, tanto che in una foto ha anche riprodotto la tradizionale Venere di Botticelli in versione curvy. Secondo lei, non serve una taglia skinny per essere belle e sensuali e lo dimostra ogni giorno con i suoi scatti sexy sui social. Di recente, si è servita di Instagram per criticare l’inconsistenze delle taglie indicate sulle etichette dei vestiti. “Non posso fare a meno di ridere quando qualcuno mi dice che è una bugia che porto la 56. Le taglie forti sono così esasperanti”, ha dichiarato Tess.

A parità di taglia, abiti di diversi marchi sono di grandezze differenti. La modella vuole far capire a tutte le donne che un semplice numero non è capace di definire le proprie dimensioni. L'immagine postata su Instagram mostra sei etichette di alcuni vestiti di Tess. Incredibilmente, su ognuna di loro è indicata una taglia diversa. Nella didascalia ha poi scritto: “Alla fine della giornata conta il modo in cui ci si sente, non l’etichetta all’interno di un vestito”. Sono molti i fan che l’hanno elogiata per la foto postata, il suo messaggio sull’incoerenza delle taglie degli abiti ha ottenuto oltre 20.500 like e quasi 500 commenti.

Sia donne che uomini hanno dichiarato di trovarsi di fronte allo stesso problema quando acquistano dei capi di abbigliamento e definiscono inaccettabile la cosa. L’obiettivo di Tess Holliday è quello far capire che bisogna stare in guardia da coloro che cercano di indovinare una taglia semplicemente con uno sguardo: probabilmente saranno imprecisi e soprattutto meschini.

Cleaning out my closet for my big sale this weekend, & couldn't help but laugh at everyone who says I lie about being a "22"😏 Plus-Sizes are SO inconsistent it's infuriating. In some brands I'm a 2x, in other's a 3x.. Sometimes a 4x! For my crop tops, they are mostly L from Forever 21.. Thats a massive difference! Basically you can't judge someone's size from photos, (nor should you) it only makes you look petty. At the end of the day, it's how you feel that matters, not the label in your clothes. I wouldn't care if the headlines said I was a size 0 or 28 model- it doesn't define me. P.s these are some of my favorite brands that are *consistent* (🙏🏻) in sizing!! @dominodollhouse @modcloth @steadyclothing @torridfashion @asos @jibrionline @monifcplussizes 💯#effyourbeautystandards

A post shared by T E S S (@tessholliday) on

175 CONDIVISIONI
L’etichetta degli abiti che indossiamo non dice la verità
L’etichetta degli abiti che indossiamo non dice la verità
Tess, la taglia 56 che diventa una modella plus size
Tess, la taglia 56 che diventa una modella plus size
178.561 di Donna Fanpage
Che fine fanno gli abiti di Elisabetta II: secondo l'etichetta la regina non può riciclare i look
Che fine fanno gli abiti di Elisabetta II: secondo l'etichetta la regina non può riciclare i look
Lascia un commento!
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni