La regina Elisabetta II è una delle donne più eleganti al mondo e, complice un'assistente personale che si prende cura di ogni suo look nei minimi dettagli, ogni volta che appare in pubblico è sempre impeccabile. I tailleur colorati che sfoggia, abbinati sempre a gioielli preziosi e a capellini in pieno stile britannico, hanno fatto storia e nascondono tutti dei precisi significati simbolici, tanto che ad oggi vengono considerati il suo "marchio di fabbrica". Anche se siamo sempre stati abituati a vederla in giacca e gonna, la verità è che nasconde un animo ribelle quando si parla di stile. È nata in un'epoca in cui i pantaloni erano un capo d'abbigliamento quasi esclusivamente maschile ma, nonostante ciò, quando era giovane ne andava matta.

In più di un'occasione ha infranto il protocollo, da quando ha lavorato come meccanico a quando è andata a cavallo, fino ad arrivare a quando visitò la miniera di Rothes Collier con indosso una tuta bianca da minatore. All'epoca era già sul trono ma, nonostante ciò, non ci ha pensato su due volte a lasciar trasparire un carattere libero e indipendente, a dimostrazione del fatto che nei primi anni da sovrana faceva fatica ad adeguarsi a ogni tipo di etichetta. Oggi che ha superato i 90 anni ha dovuto dire addio alla passione per i pantaloni ma sono molti quelli che pensano si tratti di una questione di età piuttosto che di una proibizione. Elisabetta II, però, non dimentica il passato ribelle e prova a dare sfogo alla sua audacia tra accessori originali e colori vitaminici. Meghan Markle ora si sentirà un tantino più compresa dalla suocera?